:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Amina Narimi
L���io �� il miracolo del tu

Sei nella sezione Commenti
 

 Amina Narimi - 23/08/2013 01:32:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

Posso immaginarti Franca...sentirti salire: sfiorando le mie ginocchia che ancora portano i segni in braille di quelle rampicate, ancora oggi, al boscovecchio vado sola dagli alberi soffermandomi su quello anziano all’ingresso e sottovoce dirgli "buonasera".." a domani" poi ridiscendo andando via, poco pi avanti c’ la vecchia ballerina, una cipressa antichissima morta nell’atto di danzare con le braccia ancora protese in alto ad accogliere una corona..la accarezzo sfiorandole il seno; a met , nel cuore del bosco ci sono gli alberi terminali con le radici fuori dalla terra in fin di vita, hanno ancora una voce, un lamento che sibila le ultime volont dei Geni...se solo potessi mettere fine a quel dolore prima dei tagliaboschi!e cos fino in cima alla radura del tauro dove la quercia vecchia protesa sulla rupe..quasi a reggere tutto Monte Mario...
mia madre...tuo cugino...ecco dove mi hai condotto in questo Moebius infinito all’8 sdraiato..Grazie Franca, sei Speciale e Oltre su per quella scala ti stringo con affetto e tanta stima.

Grazie ancora Lorenzo caro...del soffio, del vento che Sei.

FerdiNando tu sei Tu...

 Franca Alaimo - 22/08/2013 18:45:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Anch’io, Amina, da bambina me me stavo a leggere e disegnare sui rami di un grande albero che cresceva in giardino: i capelli al vento, le mani sopra la corteccia, il sole, i profumi, sognando di diventare come un albero, le radici nella fisicit la testa nella mrtafisica celeste.
E da allora cos, poetando, poich la poesia fa da ponte fra l’una e l’altra dimensione.
Ricordi che mi hai suscitato: tu con accanto tua madre; io con un mio amato cuginetto.
La tua poesia, in genere, Amina; questa poesia: la scala di Giacobbe con tanti angeli nunzianti. Perci piaci tanto a Lorenzo, che un’anima bellissima.

 Lorenzo - 21/08/2013 23:01:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo » ]

L’io lo spostiamo con un soffio del cuore, e arriva il miracolo del vento. Grazie Amina..

 quattrostraccisullapelle - 21/08/2013 22:56:00 [ leggi altri commenti di quattrostraccisullapelle » ]

Magnifica Amina: "l’io il miracolo del tu". Come ha commentato qualcuno, ogni tua poesia un’epifania.
Bellissimo leggerti. Un dono.