:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Amina Narimi
Alla Stazione del noce

Sei nella sezione Commenti
 

 Anna Giordano - 23/04/2014 20:34:00 [ leggi altri commenti di Anna Giordano » ]

Le tue poesie sono sentieri che seguo senza smarrirmi,essi conducono alle fonte delle tue emozioni dove l’anima di noi viandanti si disseta ed assapora la pace.
Bellissima poesia, bravissima!

 Amina Narimi - 20/04/2014 01:01:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

è un morso d’amore che stringe ai fianchi quando vi leggo insieme una carezza sul viso e vorrei chiamarvi coi nomi degli odori che lasciate salendo al cuore con le lettere del vostro pane che porgete in dono. C’è un filo stretto ad ogni nome che è "rimani", unendo i fiori che cogliamo c’è così tanto giorno nell’Augurarvi una Santa Pasqua..e la curva chiara che forma dentro gli occhi sia la pasqua quotidiana di ogni nostra parola condivisa

Grazie a voi, una Speciale Famiglia

 Alessandra Ponticelli Conti - 19/04/2014 19:21:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Magnifica! Grazie Amina. Ogni tua poesia è un dono che rigenera lo spirito.
Tanti auguri di buona Pasqua "Poetessa"! Con tutto il cuore.
Un abbraccio
Alessandra

 Guglielmo Peralta - 19/04/2014 18:06:00 [ leggi altri commenti di Guglielmo Peralta » ]

Parole impalpabili come l’aria, come "il suono bianco della lingua" che, attraverso il tessuto della memoria, danno ’corpo’ a invisibili ricordi. E su tutti è la figura della madre che affiora dal "sacro cerchio dell’assenza" a portare conforto e pace a chi ha fatto della poesia la propria via crucis; per asciugare le lacrime dell’amato sposo presso l’albero del noce, "nel punto esatto" in cui ella fu concepita.

Delicatissimo ’sogno’ tradotto in musica, nel tempo della speranza e della divina resurrezione.
Un forte abbraccio, Amina, e serenità.

 Lorenzo Mullon - 19/04/2014 11:03:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Dormiamo tutti dentro o sotto quel noce

 Ferdinando Battaglia - 19/04/2014 00:03:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Non ci sono più parole dopo ogni tua poesia, solo il Silenzio e la Bellezza.

Santa Pasqua, MiaInsuperabilePoetessa.

 Franca Alaimo - 18/04/2014 23:56:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Le figure del ricordo permettono al passato di scivolare sul presente in un amoroso dialogo, che capovolge i confini tra vita e morte, così che ogni cosa possa ritornare ad essere; l’amore, fonte della vita, coltiva ancora fiori nella placenta radunando generazioni e disegnando il senso più intimo e più veritiero della Pasqua, passaggio eterno dalla morte alla vita.

  Cristina Bizzarri - 18/04/2014 23:30:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Tutto quello che è toccato dalla poesia di Amina è segno del sacro, esce dai recinti, è santo. Bellissima Amina.