:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Amina Narimi
Nell���ultima riserva di respiro

Sei nella sezione Commenti
 

 Alessandra Ponticelli Conti - 06/10/2014 17:06:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Una meravigliosa sinfonia...
Ciao, Amina!


 Antonio Ciavolino - 06/10/2014 14:44:00 [ leggi altri commenti di Antonio Ciavolino » ]

Nel calice del rosso, fermenta l’onniscienza:
l dove il fuoco della coscienza
consuma fino all’esaurimento
e la stessa fiamma arde
le forme fervide di questo mondo,
al quale in fondo ci prostriamo
tutti, e chi non nessuno.

"Queste parole le abbiamo ereditate,
dal sangue salvato, i giuramenti mantenuti.
Noi bruciamo
incenso e ospitiamo, come quelli
prima di noi."

Sovente, il mosto forte
del suo aroma, inebria il giorno.
(La cosmogonia del sole
aggiunge ulteriore significato
al sacrificio conciliante del fermento).
Una promessa di fede:

poi, dopo sette notti,
un re di qualche seme
volle scrutare il volto
del mistero, e fu travolto.

Su un letto di foglie, unto
da lacrime di mirra, mi svelo ebbro
di mio. E brindo, uh!

-

 Giorgio Mancinelli - 06/10/2014 08:00:00 [ leggi altri commenti di Giorgio Mancinelli » ]

Nella metafora della vigna c’ un che di evangelico che ancora chiede di non sperperare i doni: l’uva, la raccolta, il lavoro, il vino di quest’autunno della vita che tutti ci coglie in un’unico abbraccio di fraterno amore. Che non il risvegliarsi di una primavera in ritardo, bens la maturit della ’coscienza’. Un brivido, se vogliamo, che sale lungo il crinale a conferma del nostro salire o sprofondare nel baratro dell’inesistenza. La bellezza della poesia cui propendiamo varr la salvezza che ci siamo preposti. Una stagione breve che pure porta in s le brume e i colori soffusi, che pure chiedono al tempo un ultimo afflato prima che tutto muti in sfocata assenza.

Grazie, molto significante.

 Piergiorgio Troilo - 05/10/2014 21:57:00 [ leggi altri commenti di Piergiorgio Troilo » ]

uno sconfinato luogo musicale questa tua poesia da lasciar decantare in calici di cristallo per assaporarne anche il suono, il melodioso accostamento delle immagini nellacino che muore tra le dita doro e rigermina colmo delle acute fragranze del vino, sento un che di rinascita, un vivo affetto per le cose attese al loro divenire, rivelate nelle loro lente trasmutazioni

 Lorenzo Mullon - 05/10/2014 21:32:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

sopra l’ottagono della Salute a Venezia
al centro
dalla cupola emisferica
viene gi una ghianda lucente
dove ascolti un brusio di api cariche di lampi e polline d’ambra viva