:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 18 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Amina Narimi
Il canto delle ali dorate

Sei nella sezione Commenti
 

 amina narimi - 29/07/2017 21:26:00 [ leggi altri commenti di amina narimi » ]

FerdiNando, Luca...Vi voglio profondamente bene

Grazie, silenziosamente grazie

 Luc Laudja - 28/07/2017 00:46:00 [ leggi altri commenti di Luc Laudja » ]

“Qualcosa che non si può paragonare”

Non è poesia. Non è preghiera. Non è canto.
E’ tutto ciò ed è oltre. E’ qualcosa di sacro.
E’ pura ... Grazia.
Che si può forse dire solo tacendo.
Nel più commosso "silenzio".

 SempreMiaInsuperabilePoetessa - 27/07/2017 20:05:00 [ leggi altri commenti di SempreMiaInsuperabilePoetessa » ]

L’Artista congiunse loro le mani
Le condusse a plasmare la forma
Di quella particolare Luce
Così simile alla piccola bellezza
Che si riverbera nel buio quando nasce una stella. Stella fissa
Nel firmamento della Notte
Che ha rapito all’amore le due "madri"
Per consegnarle all’Amore.

Dopo la consegna dell’idea
Loro rimasero sposi a coltivare quel seme
Fiorito nei giorni del freddo
A scaldare la casa. Fu l’Inizio.

Adesso il Tempo è di sparso
L’Eterno riappare nei silenzi
Che vivi elevano le antiche mure
Fino a divenire proscenio del Cielo.

Ho veduto la Tua danza filiale
Dischiudere la bocca del Buio,
I piedi tuoi nudi sulla terra
Hanno vibrato come suono di violini.
E ora mi chino per offrirti
Il mio devoto tacere.