Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Maria Musik
Giornata della Memoria

Sei nella sezione Commenti
 

 Maria Musik - 05/07/2011 18:39:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Hai capito perfettamente lo spirito dell’articolo ma io non ho capito lo spirito del commento perchè fatto da un autore che ha scritto "Faber est suae quisque fortunae" in cui si attraversano tutte le morti ingiuste, comprese quelle dei bimbi passati per un camino, in una lunga lista di efferatezze e tragedie, assai diverse l’una dall’altra. E, ancor di meno, perchè il tuo racconto l’ho letto. Tu ti sei sentito accumunato agli ebrei perchè hai subito l’umiliazione di venire maltrattato in quanto Italiano, quindi per la tua appartenenza etnica. Allora, perchè mai la giornata della memoria non dovrebbe risvegliare la coscienza che ricordare è un dovere perchè nessuno avrebbe dovuto trovarsi nella medesima situazione dopo che tutti avevano visto l’orrore? Perchè la giornata della memoria esiste solo per una tipologia di vittime? Perchè dobbiamo considerare più odiosi i crimini compiuti oltre sessanta anni fa, rispetto a quelli che si ripetono ogni santo giorno e in ogni parte del mondo? Il discorso è assai lungo e complesso e non posso certo aprirlo e chiuderlo qui anche perchè, detto quanto sopra, devo comunicarti ciò che penso visto che anche io soffro di una forma di ulcera da "repressione".
Ho l’impressione che il commento, come molti altri tuoi che ho letto, sia pretestuoso. Mi spiego meglio: non ti importava proprio nulla di dire la tua sulla questione ma, dato l’argomento, commentarlo era un bel pretesto per citare il tuo racconto ed invitare a leggerlo, non me in particolare, ma tutti. Insomma, un’operazione di marketing camuffata da commento (tardivo, permettimi... l’ho scritto nel 2009). E ritengo, inoltre, che sia proprio una questione personale che ti spinge a leggere i miei testi. Però, non te ne voglio: come te, quando qualcuno cerca la "rissa" (bonaria, in questo caso), non mi tiro indietro ma, dopo, me ne dimentico!

 Giacomo Colosio - 05/07/2011 17:33:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Non sono d’accordo, se ho ben capito lo spirito di questo articolo. La giornata della memoria serve a non dimenticare la shoah...per la guerra e per tanti altre morti ingiuste ci sono , o si possono trovare, altre giornate. Voler accumunare tutti in un solo giorno mi ricorda chi, nel parlare dei morti per disastri nucleari, si sforza di elencare tutte le morti sul lavoro o per catastrofi naturali. E’ un modo come tanti per sminuire l’importanza degli argomenti tirare in ballo tante altre situazioni analoghe.
Se non hai letto il mio racconto: Quella volta che decisi di diventare ebreo, fallo. Capirai meglio come la penso. Non volermene, io la penso in un certo modo e se non esprimo il mio parere personale sto male. Non è una questione personale.ciaociao

 Roberto Maggiani - 29/01/2009 12:01:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Cara Maria il tuo resoconto fa onore a questo sito che lo ospita...grazie; in questo modo la giornata della memoria è dedicata anche a tutti coloro di cui nessuno ha più memoria, io per primo!

 ignazio - 29/01/2009 11:29:00 [ leggi altri commenti di ignazio » ]

..e giusto per ribadire il concetto, sempre da "repubblica":
Prete lefebvriano: "Le camere a gas
servivano per disinfettare"

TREVISO - "Io so che le camere a gas sono esistite almeno per disinfettare, ma non so dirle se abbiano fatto morti oppure no, perché non ho approfondito la questione". Sono parole shock quelle pronunciate, in un’intervista alla Tribuna di Treviso, da don Floriano Abrahamowicz, rappresentante dei lefebvriani di Treviso. Le dichiarazinoi del prelato - che rifiuta di definirsi antisemita - arrivano nel pieno della polemica sul negazionismo che alligna tra i lefebvriani, scoppiata dopo il perdono del Papa.

Il vaticano è un covo di orrendi nazisti!

 Maurizio Battistoni - 28/01/2009 20:32:00 [ leggi altri commenti di Maurizio Battistoni » ]

bravissima, Maria sei grande,
stupendo lavoro
in tutti i modi se non ricordo male nella seconda guerra mondiale
il totale dei morti fu di più 50.000.000 di persone
tra civili e militari
la maggior parte russi
ciao

 ignazio - 28/01/2009 17:36:00 [ leggi altri commenti di ignazio » ]

da "repubblica"
CITTA’ DEL VATICANO - E’ ufficiale: Benedetto XVI ha revocato la scomunica ai quattro vescovi ultratradizionalisti ordinati illegittimamente da Marcel Lefebvre il 30 giugno 1988. L’atto del "perdono pontificio" è stato reso noto oggi. Le dichiarazioni revisioniste e negazioniste sull’Olocausto ebraico - "le camere a gas non sono mai esistite" - fatte da uno di loro, il britannico Richard Williamson, non hanno provocato ripensamenti nella decisione già presa da papa Ratzinger.

ma che bravi in Vaticano!!
Sono dei veri nazisti,la giornata della memoria serve anche per dire NO ai negazionisti e ai nazisti, comunque essi siano vestiti, divisa, doppiopetto o tonaca, semplice o lussuosamente ermellinata (mentre i bimbi muoiono di fame, in vaticano spendono fior di milioni in pellicce e abiti).
Cosa fare? pensarci, molto, e soprattutto nei momenti della scelta, del voto e dell’8 per mille.

 giuliano - 28/01/2009 17:32:00 [ leggi altri commenti di giuliano » ]

Riflettiamo, la giornata della Memoria c’è per non dimenticare e riflettere, sulla Shoah e non solo, cioè su tutte le morti ingiuste e causate dalla protervia delle persone.