:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Salvatore Armando Santoro
La felicità (con traduzione in lingua spagnola)

Sei nella sezione Commenti
 

 Salvatore Armando Santoro - 22/11/2017 20:00:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

AD ARCANGELO GALANTE - Ancora non ho imparato come rispondere ai messaggi. Scrivo a caso e non so se il messaggio arriverà o meno a destinazione. In questi giorni sono preso con un lavoro che non riesco a finire per tutta una serie di problemi, anche di salute,e pertanto non riesco ad apporofondire le dinamiche sulle quali è strutturato questo portale e non posso rispondere a nessuno come vorrei. Appena mi libero dagli impegni (ma premetto che ne ho tanti perché organizzo anche dei Bandi Letterari) risponderò agli amici.
Ad Arcangelo un sentito ringraziamento per le sue dotte ed approfondite annotazioni e per l’interesse che dimostra verso la mia poetica. Ma l’ha sempre fatto anche su altri portali e, quindi, il ringraziamento è doveroso ed è anche doppio!

 Arcangelo Galante - 21/11/2017 08:21:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Una significativa opera, che spinge il lettore a riflessioni ancora attuali. Una pubblicazione che, attraverso deliziose metafore, ben rappresenta la nostra decadente civiltà globalizzata, improntata solo sul materialismo, sulla commercializzazione, sui soldi e sul possesso di ogni cosa, tranne quello dei sogni stessi e della vera felicità, che, fuggendo via dalle nostre menti, l’umanità tutta farà un tragico passo indietro, vivendo in uno stato vegetativo e senza valore alcuno, neppure per l’anima. Poesia tanto bella, quanto condivisa. Deliziosa nella stesura e realistica nel contenuto. E come diceva il poeta latino Orazio nella pubblicazione delle sue Odi: “Dum loquimur fugerit invida aetas: carpe diem, quam minimum credula postero”(Mentre si parla, il tempo è già in fuga, come se ci odiasse: così cogli la giornata, non credere al domani). Un amichevole saluto, gentilissimo!