:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto è pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Salvatore Armando Santoro
La storia

Sei nella sezione Commenti
 

 Salvatore Armando Santoro - 18/02/2018 01:27:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

A Terracciano - Grazie per la nota. Mi ero accorto del dodecasillabo, ma la fonia non veniva turbata dall’ipermetro ed ho lasciato correre. Ma di fronte ad un commento sento il dovere di ritoccare il verso.

 Arcangelo Galante - 17/02/2018 12:55:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Un testo che mi colpisce molto per l’atmosfera descritta!
Impressioni che si lasciano rapire, in una magica cornice di emozionanti considerazioni. Pubblicazione significativamente emblematica, nel proprio veritiero messaggio.
Applausi ed elogi meritati.
Cordialmente, saluto. :-)

 Antonio Terracciano - 17/02/2018 12:52:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

E’ un bel sonetto "ritornellato" , che esprime , con maestria poetica, un concetto ben noto (la storia è scritta dai vincitori) . Se proprio si volesse trovare un piccolo pelo nell’uovo, direi che il secondo verso ( "i massacrati son poveri innocenti" ) stona un po’, perché è chiaramente un dodecasillabo (io avrei magari scritto "coi massacrati poveri innocenti" .