:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto è pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Salvatore Armando Santoro
Andando per i vicoli di Montalcinello

Sei nella sezione Commenti
 

 Salvatore Armando Santoro - 07/03/2018 14:19:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

A FRANCA COLOZZO - Sì, la composizione è del 2017 ma la foto è del 2014 e la poesia è stata scritta pensando a quel giorno.
Luzi non l’ho conosciuto.... per un pelo (perché Caterina l’ho conosciuta in agosto 2005, ed entro con entusiasmo nella Giuria del Bando Città di Montieri, e Luzi era già morto in febbraio) è devo dire che sono stato sfortunato perché se Luzi avesse letto le mie poesie sono sicuro che le avrebbe apprezzate molto di più di tanbti altri e forse la sua amicizia mi sarebbe servita per far conoscere le mie liriche in altri ambienti. Invece, così dovrò aspettare almeno 100-200 anni.... impossibile attesa!

 Franca Colozzo - 05/03/2018 10:05:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Caro Salvatore, mi fa piacere sapere che conoscevi Mario Luzi e Caterina, la sua allieva prediletta. Purtroppo dell’eredità del poeta Luzi non è rimasto altro che mercimonio.
Proprio l’associazione Luzi di Roma mi contattò tempo addietro per pubblicare il mio romanzo (500.000 caratteri circa) sulla Turchia, ovviamente con esborso di soldi da parte mia e la certezza di una scarsa o nulla distribuzione. Lo stesso dicasi per l’associazione che fa capo ad Elio Pecora, ma questa volta per le mie poesie. Quasi ogni anno, mi chiama una sua segretaria, adulandomi per le mie poesie che pubblico su un’applicazione internet ed invitandomi a pubblicarle in un’antologia, ovviamente a pagamento. Ogni anno, ciclicamente, si ripete la stessa storia: ora hanno trovato questo ripiego per far soldi e cioè di pubblicare le poesie dei fessi in un’antologia (tre copie che l’autore compra dopo aver scritto e inviato le sue poesie). Dimmi tu se non siamo scesi in basso! Io scrivo una poesia e poi me la ricompro! Questa per me è pura follia o narcisismo di chi ci casca! Per mia fortuna ancora non ho toccato il fondo del narcisismo patologico! A te, per fortuna, le poesie le hanno pubblicate gratis su un’antologia in Toscana, come ho letto. Sei l’eccezione nel panorama italiano dei furbetti dell’editoria! Hanno evidentemente pensato di campare in questo modo tra EAP o No EAP (dai miei Pensieri e Aforisma). Comunque, a parte il mio sfogo, Luzi è stato un grande poeta. Ti auguro una buona giornata. Un cordiale saluto.

 Salvatore Armando Santoro - 05/03/2018 01:03:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

A FRANCA COLOZZO

Al mio fianco c’era proprio lei, Caterina, l’allieva prediletta di Mario Luzi, con la quale siamo legati da una bella e sincera amicizia ultradecennale. E’ lei che raccolse l’ultima poesia dell’ultimo grande poeta dell’ermetismo italiano, Mario Luzi, che spesso trascorreva i suoi giorni nella casa di Caterina a Montalcinello (vicino Siena), dove io ho redatto una mia poesia proprio dedicata a Luzi seduto alla scrivania dove il poeta, quando era in vita, appuntava le sue cose.
Il giorno prima della sua morte, avvenuta il 28.2.2005, ancora lucido anche se sofferente, ebbe la forza di dettare a Caterina la sua ultima poesia "Il termine la vetta" che è quasi un testamento spirituale che nel suo finale fa un po’ a pugni con la sua fede cattolica in quanto nella poesia parla di rinascita, che è un concetto prettamente buddista.

 Franca Colozzo - 03/03/2018 11:02:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Salvatore, mi par di passeggiare per quei vicoli con un andatura mesta e lenta che le vecchie case sembrano trasmettere. Il tempo appare come fermo nel ritmo rallentato dell’ora sull’orologio della torre campanaria. Così è la vita nei piccoli borghi italiani, a volte noiosa e ripetitiva o inafferrabile come il passare del tempo.
La triste nota della donna che vede sfiorire a poco a poco la sua giovinezza rimanda alle passate stagioni, agli amori sbocciati ora spenti, alle prime rughe e macchie sulla pelle. S’avverte in questa tua poesia la nostalgia del tempo che fu, frammista alle rimembranze tra gli intonaci screpolati ed il silenzio che ancora avvolge il borgo. Ma, alla fine, spunta sul muretto sgretolato e il vecchio fico morto un baluginio di speranza e di gioia di vivere.
Ho apprezzato questo tuo componimento che risale all’estate del 2017. Ti auguro una buona domenica.