:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Salvatore Armando Santoro
Fiesta (di J.Pr��vert)

Sei nella sezione Commenti
 

 Salvatore Armando Santoro - 12/08/2018 00:22:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

Felice di aver suscitato tanta attenzione sulla mia traduzione e grazie a Terracciano per avermi indicato i refusi (che ho gi corretto). A volte copiando i testi da altre lingue facile che un termine resti incompleto o qualcun altro scritto in modo erroneo. Ma il francese o conosco abbastanza ed stato facil individuare i due terminiin discussione.
Un grazie ed un saluto anche a Ferdinando ed a Franca per le loro interessanti osservazioni!

 Franca Colozzo - 11/08/2018 22:56:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Un’occasione questa della poesia di Salvatore che mi giunge gradita per salutare l’amico Antonio Terracciano, di cui mi piacevano i commenti ed anche qualche sottolineatura, fatta sempre con il garbo di un gentiluomo. Quindi colgo l’occasione per inviare un saluto affettuoso a Terracciano, che per me ha sbagliato ad andarsene da questo sito: un elemento di arricchimento e di critica non guasta mai, anzi serve a crescere.
La poesia di Prvert veramente bella: una lirica in lingua francese ha una sua musicalit intrinseca, sicuramente ancor pi di quella in italiano (gli accenti fanno la loro parte). Mi sembra Salvatore che, attraverso la traduzione dell’originale in francese, tu sia riuscito a tratteggiare una tua esperienza personale, calandoti nelle vesti dell’autore.
Sono d’accordo poi con Ferdinando sull’esimio numero di poeti in ciascun secolo. Penso che scrivere poesie sia relativamente facile, ma entrare nell’Olimpo dei Poeti veramente difficile.
Buone vacanze e serena domenica a voi tutti.

 Ferdinando Battaglia - 11/08/2018 20:46:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Hai ragione, Antonio, ma anche di Leopardi e di Montale non che ne nascano poi di pi. per cui possiamo dedurre che il problema non nella metrica, ma nella grandezza di un talento e di una vocazione; Dario bellezza sosteneva che di veri poeti ne nascono pochi in un secolo, meno delle dita di una mano, che non tutti coloro che scrivono poesie si possono considerare poeti (e stiamo parlando di Bellezza e se solo ci limitassimo al Novecento di molti nomi stimati della Poesia)

Un saluto

 Antonio Terracciano - 11/08/2018 19:56:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Anche se non pubblico pi in questo sito, di tanto in tanto vado a leggere le proposte pi interessanti, e questa di Santoro lo davvero.
Francamente, non avevo forse mai letto questa poesia di Prvert: la traduzione di Santoro eccellente, migliore forse dell’originale... (scherzo, perch vi noto due evidenti refusi: "le" invece di "les" , e "dand" invece di "dans" ). Prvert mi sempre piaciuto: dimostr di essere un vero poeta popolare, capace di far rivivere poeticamente in tutti i lettori tante loro esperienze, o almeno tanti loro sentimenti. A questo livello di comunicabilit gli schemi metrici (mai usati dal francese) possono benissimo andare a farsi benedire, e viene davvero la voglia di dire "viva il verso libero! " , che presenta, altres, il vantaggio di una facile traducibilit in tutte le lingue (e qui Santoro ce ne d un chiaro esempio) . (Il problema che di Prvert, per, ne nascono uno o due al secolo... )