:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto è pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Salvatore Armando Santoro
Nuit rhénane - Notte renana (Di Gauillaume Apollinaire)

Sei nella sezione Commenti
 

 Antonio Terracciano - 15/08/2018 12:15:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Ancora una meritevole proposta di poesia francese, questa di Santoro. Apollinaire è stato forse il più grande poeta francese del Novecento (esagero se considero "Le Pont Mirabeau" un capolavoro ineguagliabile? ) , e in questa "Nuit rhénane" (presente nella raccolta "Alcools" ) egli combina le fantasie suscitate dal fiume con immagini di vita reale. Il Reno, quel fiume che ai tempi di Carlo Magno era un po’ il simbolo (come speriamo lo sia ridiventato ora) di un’Europa unita, procurerà la morte, durante la prima guerra mondiale, a quel grandissimo e inquieto poeta praticamente apolide, che forse proprio nei pressi del Reno cosmopolita trovava la sua vera, composita dimensione (Kostrowitzky, lo sappiamo, era il figlio naturale di una nobildonna di origine polacca e di un italiano... che alcuni maligni identificarono addirittura con il Papa di allora) .

 Salvatore Armando Santoro - 15/08/2018 09:49:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

Gente che sembrava apprezzasse la vita ed invece la odiava e disprezzava se stessi!

 Salvatore Armando Santoro - 15/08/2018 09:47:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

Tutta gente con un buon talento poetico. Peccato che hanno scelto di morire presto!

 Salvatore Armando Santoro - 15/08/2018 09:45:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

L’ultimo verso potrebbe anche essere tradotto così: "Il mio bicchiere è esploso come una sonora risata"!