:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Franca Colozzo
Epic of Israel - Epopea di Israele

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Colozzo - 29/11/2019 23:45:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Caro Gianni, ti ringrazio del tuo commento che inneggia alla mia umile poesia o piuttosto al mio grido disperato di dolore.
Veramente si è toccato il fondo in un’epoca di massima divulgazione delle notizie, che ormai viaggiano alla velocità della luce.
Ma come ho rilevato in un mio post su Facebook sembra che alla gente piacciano più i discorsi da osteria: "Buongiorno, Buonasera, etc." e le chiacchiere stupide o infamanti che spadroneggiano sul web.
Pertanto, ho volutamente trasformato i miei social in una vetrina di protesta sociale, di poesia, di denuncia, essendo iscritta anche a molti gruppi stranieri (ad es., tra i tanti, إتحاد المثقفين العرب Union of Arab Intellectuals, Kashmir Working Group, Creative Visionary POD, etc.), da cui sono stata invitata proprio in virtù della mia apertura mentale verso altri popoli, altri discorsi, altre realtà.
D’altra parte, da oltre un anno e mezzo, lavoro a tempo pieno per la pace e per il Kashmir, in particolare. Buonanotte.

 Franca Colozzo - 29/11/2019 23:28:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Hai messo il dito nella piaga, caro Antonio! Il libro di tutti i libri, cioè la Bibbia, libro storico per eccellenza più che sacro, è stato, al pari del vaso di Pandora, la causa di quasi tutti i mali della Terra.
Infatti, l’assolutistica visione delle tre religioni monoteistiche: ebraica, musulmana e cristiana ha ingenerato solo odio, invece di stabilire un punto di contatto tra esse.
"...Odio genera odio, s’avvita la spirale di violenza...", come affermo nella mia poesia "Olocausto" e così a quel Dio vendicativo Yahweh o Jahvè, amante dei sacrifici di animali e del profumo acre delle loro carni bruciate, venne concessa in dono qualsiasi follia umana, tra spettacolari alzate in cielo di carri luminosi (dischi volanti?) e sparizioni improvvise.
Insomma, se leggi Mauro Biglino (Torino, 13 settembre 1950), saggista italiano che si occupa principalmente di storia antica e Antico Testamento, ti si apre davanti un mondo misterioso tra scritture ebraico/aramaiche da decodificare in un mondo popolato da tanti alieni di diverse specie. C’è pane per i tuoi denti, se mai ti addentrerai in tali labirinti immagnifici, suffragati però da documenti storici.
Quanto alla minor violenza dei tempi moderni, avrei da obiettare che spesso, malgrado i media, appare nascosta o negletta come il genocidio degli Armeni, dei Rohingya, il coprifuoco e la violenza in Kashmir da parte indiana, la Palestina, la Siria, l’Iraq, la Libia, etc.
La lista è così lunga che purtroppo passa inosservata da noi, oberati come siamo da troppe disgrazie quotidiane. Grazie del tuo esaustivo commento. Buonanotte.

 Franca Colozzo - 29/11/2019 22:51:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Cara Giulia, come non essere d’accordo con te? La visione devastante di un mondo, che sembrava avviarsi sulla strada di un’evoluzione pacifista e del progresso tecnologico, oggi è sempre più squassata da guerre inconcepibili, studiate al tavolino soprattutto per vendere armi.
Ci sarà un futuro accettabile per i nostri figli o l’aumento della popolazione mondiale sarà un motivo in più per livellarla attraverso proficui guadagni sugli armamenti? I signori della guerra ed alcuni potenti di turno sembrano vampiri in preda al parossismo, succhiatori di sangue e di risorse, si nutrono del male ed affondano i loro strumenti di morte nel cuore pulsante del mondo.
Ma poiché bisogna iniettare la speranza, ci fermiamo ad inalare poesia e a respirare un vento di ottimismo in un momento in cui la fede appare persa e la voglia di lottare sembra cedere il passo alla disperazione. Grazie del gradito passaggio, Giulia. Buonanotte.

 Giulia Bellucci - 29/11/2019 21:59:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Cara Franca
questa tua poesia arriva direttamente al cuore e fa sentire davvero impotenti difronte al sangue versato per un odio che si protrae da millenni. Purtroppo di odi e persecuzione sono pieni i libri di storia e sembra di essere ancora troppo lontani ‘dai sentieri dell’anima’. Verrà un giorno in cui tanta efferatezza avrà fine? Possiamo sperare in un futuro diverso per le nuove generazioni che verranno dopo di noi? Solo questo ci rimane...
Un caro saluto.

 Antonio Terracciano - 29/11/2019 20:40:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Apro quasi a caso il volume 700 della "Biblioteca Adelphi" , "Il libro di tutti i libri" (cioè la Bibbia, che mi sono sempre rifiutato di leggere, perché ho non ho mai sopportato i film western... ) , di Roberto Calasso, recentemente uscito e da me comprato: "Dopo la morte di Salomone e dopo lo scisma che spartì i figli di Israele in due regni - di Giuda e di Israele - tutto tendeva a ripetersi. La guerra era incessante: ’ Ci fu guerra fra Asa e Baasa, re d’Israele, per tutti i loro giorni ’ . E, con moto pendolare, l’abominio e lo sterminio passavano dall’uno all’altro campo. Baasa ’ abbatté tutta la casa di Ieroboam, non lasciò alcun essere vivente di Ieroboam senza sterminarlo, secondo la parola che aveva detto Iahvè per mezzo del suo servitore Achiyah di Silo ’ , ecc. , ecc. " (pag. 107 ) . Poco di nuovo sotto il sole, ma dobbiamo rallegrarci per il fatto che per fortuna ora sembrano essere alquanto più moderati!

 Gianni Vavassori - 29/11/2019 18:23:00 [ leggi altri commenti di Gianni Vavassori » ]

Carissima hai toccato un argomento che sento dentro.
Lo hai fatto poeticamente in modo sublime.
Basta odio nel mondo. Ciao, bravissima.

 Graced - 28/11/2019 18:37:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Un canto che sgorga dalla tristezza e s’eleva verso l’aere, Un angolo di mondo senza pace, potrebbero mettersi d’accordo e ci sarebbe pace e vita per tutti. Mai avremmo pensato che ci sarebbe stata una guerrra infinita. Non riesco a capire come si può vivere perennemente all’erta. Non so che dire, credo che un pò di umanità da parte di tutti, sarebbe cosa buona e giusta. La religione di qualunque credo, non può giustificare questi massacri. Un caro saluto Franca, Grazia.

 Franca Colozzo - 27/11/2019 23:01:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Grazie Salvatore del tuo gradito passaggio. Questo accanimento contro i palestinesi da parte di Israele mi sembra sempre più sproporzionato, avverso una minoranza spogliata della sua terra.
Non riesco a capire come dei sopravvissuti all’Olocausto, infame tragedia di un popolo, possano oggi dimenticarsi degli orrori del passato riproponendone dei nuovi in chiave moderna.
La natura umana, orba della storia, è sempre tragicamente irriconoscente ed infausta. L’unica invariante resta la crudeltà perpetrata soprattutto verso il proprio simile.

 Salvatore Pizzo - 27/11/2019 03:43:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Un canto forte ed accorato, impossibile non lasciarsene commuovere: troppo il sangue e cocente l’ingiustizia. No, per quanto ne dicano, Dio è solo un pretesto. Di esso non c’è traccia in tutto questo agire tanto criminale oltre che irresponsabile: che razza di mondo continuano a consegnare ai figli?
Un caro saluto sempre.