:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Franca Colozzo
La clessidra del tempo - The hourglass of time

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Colozzo - 21/04/2021 19:26:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

La tua interpretazione, caro Vincenzo, è una legittima analogia con le tre fasi della vita umana e le loro diverse sfaccettature: alba, sinonimo di nascita, seguita poi dalla giovane età piena di illusioni; meridie = maturità; sera, vista come parabola discendente della nostra esistenza.
Ma in questa poesia, inconsapevolmente ho visto affiorare la simbologia di un giorno elevato alla potenza, un ripetersi di cicli rotatori estenuati dalla condizione di prigionia coatta in cui ci siamo tutti noi trovati all’improvviso.
Sicuramente è stato un anno emblematico il 2020, con la corona dei suoi 366 giorni, iellato come vengono da sempre - a ragione o a torto - tacciati i bisestili. Vero o non vero, data la manciata di ore residue annuali che, dalla rotazione terrestre attorno al sole, viene cumulata addosso al povero anno cosiddetto "bisestile", ci siamo trovati di fronte ad una calamità improvvisa. Ma la speranza ci accompagna sempre così come i girasoli seguono il percorso del sole in una danza d’amore e speranza. Grazie del passaggio, buona serata.

 Franca Colozzo - 21/04/2021 19:01:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Raccogliendo il succo acre dell’arco di una giornata che potrebbe paradossalmente essere l’anno 2020 appena trascorso tra il ripetersi di giorni quasi sempre uguali, ho ricalcato le impronte di sensazioni e emozioni ripescate qua e là, ma ripetitive e a dir poco alienanti.
L’unica consolazione è stata per me la luce solare che in questa poesia s’irradia un po’ dovunque nel tentativo di fugare le nubi oscure incombenti sopra di noi.
Infatti, come puoi constatare caro Salvatore, la chiusa lascia il posto a una tenue speranza nell’attesa di un’alba nuova. Con questo auspicio ti lascio a divagare sulle mille sfaccettature della vita umana che, pur se costretta a rimembrare tempi migliori, mai s’arrende al flusso degli eventi e mai ad essi si piega. Nel segno della rinascita, auguro a te e a tutti i lettori una buona serata all’insegna della seguente citazione:

„Anche la Speme, | ultima Dea, fugge i sepolcri; e involve | Tutte cose l’obblio nella sua notte.“ — Ugo Foscolo, Dei Sepolcri

Fonte: https://le-citazioni.it/frasi/204454-ugo-foscolo-anche-la-speme-ultima-dea-fugge-i-sepolcri-e/

 Franca Colozzo - 21/04/2021 18:37:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Cara Graced, raccolgo le tue meste considerazioni, che in fondo sono anche le mie, anche se con sfumature diverse dal momento che ho cercato di trasformare il 2020 in un anno molto coinvolgente a livello di impegni umanitari. I miei tanti articoli, in parte anche le mie poesie, nascono dall’esigenza di dare una sferzata alla noia.
Il tuo scoramento è anche il mio, a maggior ragione dal momento che non vedo la mia secondogenita dalla fine del 2019, in quanto vive negli Emirati Arabi. Ci dividono solo sei ore di aereo e due di macchina per raggiungere l’aeroporto di Fiumicino, ma le restrizioni anti-Covid19 hanno reso tutto più difficile. Concordo con te sulla constatazione che l’uomo, distruggendo l’ambiente, sta praticamente distruggendo la stessa razza umana. Mai animale più empio, irresponsabile ed autolesionista è apparso sulla faccia del pianeta. Ti ringrazio dell’esaustivo commento e ti auguro un buon proseguimento di serata.

 Vincenzo Corsaro - 21/04/2021 10:43:00 [ leggi altri commenti di Vincenzo Corsaro » ]

Non tutti i giorni sono uguali, anche se simili, vi è sempre una sfumatura, un qualcosa che li rende diversi. È intriso di malinconia questo tuo bel viaggio e come sempre, noi esseri umani, ci adattiamo al suo scorrere. L’alba, quando le speranze nascono in noi e la vita sembra più amica. Il meriggio, il momento in cui i pensieri riposano sulla riva della vita. Il tramonto, l’ora in cui si raccoglie ciò che abbiamo messo in tasca, un sorriso o una delusione, ma la speranza sarà sempre la compagna della notte in attesa di una nuova alba. Molto apprezzati i tuoi versi, un caro saluto e una buona giornata Franca :)

 Salvatore Pizzo - 21/04/2021 02:29:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Tre momenti che dicono di una grande emotività, dicono d’un travaglio interiore ch’è espressione di un giorno in cui si fa pressante l’esigenza di rinnovarsi.
Versi che scivolano sull’aire dato dall’incipit. E scivolano con quella grazia e quella musicalità che ti contraddistinguono.
Un caro saluto

 Graced - 20/04/2021 18:16:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Purtroppo, la natura tanto dolce e benigna verso di noi, quando l’uomo non la rispetta, la distrugge, si rivolta a suo modo e, allora, siamo noi a doverla temere, quando non dovremmo mai averne paura, perché lei ci è madre, ci ama, ci nutre, ci accoglie in ogni momento del giorno, ci assiste dall’alba al tramonto. Tutto ciò ci dovrebbe fare riflettere a non rendercela nemica , propugnando nefandezze di esperimenti deleteri atti a distruggere e a distruggerci, e poi rimpiangendo i tempi in cui l’aria era un atomo felice di bellezza e gioiosità interiore per il presente ed il divenire. Una splendida poesia da cui si evince il rammarico per i pericoli che corre l’uomo per la sua dissennatezza. Un affettuoso saluto Franca, Grazia!