:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 classifica e vincitori del Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Franca Colozzo
Spring Breeze

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Colozzo - 29/03/2022 01:31:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Sì, Salvatore, la siccità e la guerra in corso stanno prosciugando anche i nostri sentimenti. Un velo di tristezza pervade tutti noi e, dal canto mio, difficilmente riesco a dormire la notte.
Ho cercato in questa poesia di esprimermi alla maniera shakespeariana, mi era stato chiesto per e spero di esserci riuscita.
Grazie della visita, buonanotte.

 Salvatore Pizzo - 29/03/2022 01:09:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Se penso alla primavera dell’anno scorso, in piena pandemia, mi meraviglio assai: ogni fiore era una scoperta affascinante, nonostante l’atmosfera di pericolo che si respirava. Quest’anno, invece, è assai strana l’aria: sarà la siccità? Sarà la guerra?... quel che sento è qualcosa di molto più nefasto. È un po’come se una muta di licaoni avesse annusato una preda. E, folle di sangue, stesse uggiolandole d’intorno famelica e feroce.
Amici? Sono in un bel verso in questa tua poesia. Come anche la pace ci aleggia desiderio insopprimibile...
A te una notte di sogni sereni e grazie.

 Franca Colozzo - 25/03/2022 00:11:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Caro Vincenzo, ti sono grata per le tue belle parole. Ho voluto inviare un pensiero gentile a tutti i poeti e gli amici che mi seguono qui e altrove. Un modo, forse, per scacciare la malinconia che mi perseguita da oltre un mese, esattamente da quando i venti bellici hanno iniziato a flagellare la terra. Sono veramente triste e, come vedi, scrivo più raramente del solito dedicando tanto tempo a inviare Tweet e commenti su tutti i social media.
Ma la cosa che mi ha colpito di più ieri è che non si può più parlare apertamente se non attenendosi al rigore delle notizie ufficiali propinate dai media. Ieri Facebook ha minacciato di limitare l’uso che ne faccio perché inciterei alla’odio! All’odio? Questo mi ha aperto gli occhi invece di abbattermi.
Ormai non siamo più in un paese veramente democratico, a parer mio, ma in una sorta di oligarchia di Stato con stretto controllo delle informazioni belliche, come prima per il Covid19.

Bavaglio alla stampa? Sì, perché discostarsi anche di poco dalle versioni ufficiali, propagandate dalla TV di Stato per poterne capire le dinamiche, sa quasi di sabotaggio del regime.
Di seguito, riporto quanto oggi pubblicato su Facebook (non mi arrendo né mi arrenderò mai alla falsa propaganda Fidei). Ho il diritto di sapere la verità.
ARTICOLO 21 della #COSTITUZIONE #ITALIANA

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure...

 Vincenzo Corsaro - 24/03/2022 23:14:00 [ leggi altri commenti di Vincenzo Corsaro » ]

Un animo nobile non conosce la resa, come un cuore puro e forte non teme le tenebre perché sa che la luce giungerà come è sempre stato e sarà. In tutto questo gli amici saranno il bastone il quale sorreggerà uno spirito indomito.