:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Carmen De Stasio
Il continuo avvenire di Ignazio Apolloni

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Alaimo - 30/05/2015 16:00:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Mi era sfuggito il saggio di Carmen De Stasio. Dunque, lo leggo adesso e non dico più con stupore, poiché sono ormai avvezza allo stile pieno e coltissimo di questa scrittrice. Amica speciale di Ignazio Apolloni, probabilmente per un’affinità profonda di anima e pensiero, con questo saggio, Carmen ci lascia un ritratto a tutto tondo dello scrittore palermitano che non posso non condividere. Anch’io, infatti, conosco bene l’attività letteraria di Ignazio avendo più volte prefato o presentato le opere di questo originalissimo narratore di storie e di favole, che, come tutti i grandi scrittori, ci lascia in eredità il futuro della letteratura.
Fra i vari passaggi di questo saggio ne sottolineo uno che in modo tanto sintetico quanto efficace riassume i caratteri salienti della scrittura d’Ignazio: "Storia, immaginazione e tratto collaborativo con il lettore". A me piace sottolineare l’aspetto ludico della parola di Ignazio che sembra riprodurre quel processo conoscitivo proprio del bambino che, mentre scopre il mondo ed i suoi meccanismi, li affida ad un linguaggio inventato, a-sintattico e spesso a-logico.
Il gioco, allora, come scardinamento delle regole, come curiosità del nuovo, come costruzione di nuovi oggetti, come frammentazione di trame e di personaggi, e, ovviamente dei cardini stessi del racconto delle storie e della Storia: tutto questo egli ha fatto a partire dalla sua attività nell’Antigruppo siciliano fino alla Singlossia ed oltre, mai stanco di perlustrare in lungo e in largo i territori della cultura europea ed extraeropea. Grazie, allora, a Carmen, autrice di questo saggio bellissimo, e soprattutto grazie a Ignazio che ci ha donato la sua amicizia, la sua intelligenza e la sua creatività.