Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Cristina Silvia Pellicone
Schiavi in saldo

Sei nella sezione Commenti
 

 Arcangelo Galante - 30/05/2020 11:38:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Con un’inaspettata sorpresa all’Italia, impreparata a fronteggiare la spinosa emergenza sanitaria, il duemila e venti, ha dato inizio ad un serio problema, dalla soluzione difficile, perché inafferrabile: l’ingresso di una pandemia nel mondo!
L’autrice, mediante una poesia sociale, offre una panoramica dello scenario politico economico e disagevolmente inumano, nel quale ciascun individuo è coinvolto.
Oltre al pubblico pericolo di un contagio, alla paura di non vivere serenamente, alla limitazione di libertà, condizionata dall’evento tragico, alla perdita di vite, scomparse come meteore sopra un minaccioso cielo di silenzio “tombale”, ai danni economici dilagati a macchia d’olio e altro ancora, si aggiunge il disagio profondo dell’essere restati, ancora oggi, sospesi, in un tempo, per nulla assaporato con gioia e “normalità”.
Si continua a navigare nelle acque dell’incertezza e del dubbio che la vita possa riscattare quella perduta bellezza di una quotidianità, vestita di intensa mestizia, mentre la spada di Damocle non cede tregua alla battaglia col male che affligge l’umanità.
Il testo è pertinente all’attuale situazione dolorosa, descritta mirabilmente, e ogni singolo lettore potrà farlo proprio, attingendo ampie riflessioni su di un prossimo futuro che, si spera, possa ripristinare ogni cosa nella giusta maniera.
Grazie, Cristina Silvia Pellicone, per aver condiviso quest’opera meditativa.
Buona vita, gentil poetessa!