:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 18 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Jacob l.
Non aver paura

Sei nella sezione Commenti
 

 Alessandra Ponticelli Conti - 02/02/2014 16:29:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Solo chi conosce, o ha conosciuto bene la paura, ne sa cogliere l’inutilità. Una poesia bellissima che esorta a non dimenticare ciò che davvero conta nella vita.
Molto bravo come sempre.
Un carissimo saluto
Alessandra

  Cristina Bizzarri - 30/01/2014 22:47:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Una poesia che è il canto dell’uomo per l’uomo. Un bellissimo invito a vivere - aperti alla gioia.

 amina narimi - 30/01/2014 14:02:00 [ leggi altri commenti di amina narimi » ]

Una tra le Poesie più belle e intense che ho letto..che rileggo e rileggerò ancora e ancora
è forte commozione e le parole escono fuori lente come recitando una preghiera..Grazie di questo Dono Jacob Grazie con le braccia aperte

 Lorenzo Mullon - 30/01/2014 13:41:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Non so, mi sento davvero commosso. Grazie, Jacob.
Come la gigantesca ruota di un mulino ad acqua, questa giornata di pioggia sgrana una poesia dopo l’altra sul tema della gioia, e la sua difficile scoperta, o riscoperta... non conquista, non è necessaria... e sull’assurda resistenza che facciamo per trattenerci in un dolore che è solo la reiterazione del passato.
Non per niente erano detti Penati. Sì, lo so, aveva un altro significato, forse, ma sono convinto che quello di cui noi su questo mondo amiamo nutrirci siano le pene, un’abitudine che ci obbliga alla paura e al mancato riconoscimento di noi stessi. Perché?
Quale mostruosa follia punitiva ci lega?