:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Tre monologhi. Penna, Morante, Wilcock”, di Elio Pecora [collana Racconti (Teatro)]
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo proposto da Cosimina Viscido
Pudore

Sei nella sezione Commenti
 

 Cosimina Viscido - 26/01/2012 09:59:00 [ leggi altri commenti di Cosimina Viscido » ]

@Leonora...la Pozzi è il mio rifugio nella semplicità. Ciao.

@Attilio...un bacio!

 Leonora Lusin - 25/01/2012 09:32:00 [ leggi altri commenti di Leonora Lusin » ]

Così semplice, così universalmente femminile...

 Attilio - 25/01/2012 00:08:00 [ leggi altri commenti di Attilio » ]

Grande proposta!
Sì, questa è Antonia Pozzi, dall’anima splendente!
E’ pure lei che scrisse:

"Non sai che lago
specchia ora il mio viso - che luce
ne lava l’ombre.
Non sai che mare
di purezza
sorregga ora - nel buio -
questa barca di solitudine"

Sì, era una grandissima poetessa!