Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Gaetano Lo Castro
Lettera di pancia e d’anima

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Colozzo - 27/03/2018 19:16:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Comunque Gaetano, non sono d’accordo per quanto attiene ad aborto ed eutanasia. Lasciare libertà di scelta agli altri è un sacrosanto diritto democratico. Non lo farei su me stessa, ma gli altri vanno rispettati, in quanto ognuno è un mondo a parte con situazioni difformi. Per quanto concerne il sacrificio di animali, dopo un’attenta rilettura della Bibbia ed una comparazione con antichi testi sacri antichi - non ad opera mia in quanto non ne sarei capace, ma di studiosi molto qualificati - ne esce fuori un quadretto poco edificante o addirittura raccapricciante, intessuto di violenza e vendette. Mi risulta che l’uomo non abbia mai perso l’abitudine al male... Sembra però che la civilizzazione odierna, sia riuscita in parte a migliorare, nonostante le guerre ancora in atto come quella siriana, le storture dell’uomo, la bestia peggiore del creato.
Per i sacrifici degli agnelli, non a quello divino che da sempre è stato un pretesto per immolare animali innocenti, ne starei alla larga poiché non mi sembra giusto infliggere simili torture a degli animali inermi per il solo piacere della tavola. Infatti, mi esimerò dal comprare quella carne e spero che passi il messaggio di non uccidere agnelli. Le tradizioni, quando sono barbare, non vanno rispettate. Spero che tu sia del medesimo avviso. Ti auguro buona serata e una Felice Pasqua.

 Gaetano Lo Castro - 27/03/2018 16:55:00 [ leggi altri commenti di Gaetano Lo Castro » ]

Mi fa piacere, Franca, il fatto che condividi il mio pensiero.
L’antica tradizione giudaica di sacrificare animali alla divinità, è stata sostituita dalla volontaria immolazione d’amore dell’Agnello divino, in espiazione per le colpe dell’umanità. Ora la nuova tradizione del neopaganesimo è quella di fare sacrifici umani agli dèi. Così tramite aborto ed eutanasia si immolano innumerevoli vite umane al dio della superbia, al dio dell’egoismo, al dio del materialismo.
Ti auguro di cuore una Pasqua di pace e di luce.

 Franca Colozzo - 27/03/2018 11:17:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Concordo pienamente con il tuo pensiero, valido specialmente in occasione delle prossime festività pasquali. Si mangia troppo e male, lasciandosi prendere dalla gola. Il tuo pensiero ai bambini che soffrono per la fame dovrebbe essere sempre presente in noi, così come - e aggiungo una mia nota personale - non si dovrebbero uccidere tanti agnelli per Pasqua e non solo. Perché uccidere degli animali così inermi, strappati a circa un mese dalla loro madre, per portarli al macello? Nessun Dio ci ha obbligati al sacrificio delle povere bestie. Pur riscontrando nella Bibbia sacrifici di animali, i tempi sono cambiati ormai e non tutte le tradizioni vanno rispettate in base ai nostri stili di vita molto modificati. Siamo in genere più consapevoli e rispettosi della natura e dovremmo, dalla nostra posizione di forza, cercare di amare tutte le creature. Buona giornata e felice Pasqua.