:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di cristina bizzarri
Eskaton

Sei nella sezione Commenti
 

 cristina bizzarri - 19/12/2011 08:25:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

A Censa e a Monica:grazie grazie della vostra attenzione per le mie parole che cercano di essere qualcosa di vero, Oltre "me"!
Il senso della finitezza e del limite riposano finalmente nel "sogno" che può diventare a volte rinfrescante come qualcuno che ti versi acqua sulla testa in una giornata troppo calda, e tu gliene sei grata, e ti risvegli... e pensi che tutto può essere nuovo sentendo davvero l’aroma del caffè prima di uscire per la prima volta.

 Censa Cucco - 18/12/2011 23:04:00 [ leggi altri commenti di Censa Cucco » ]

un ardente desiderio di pace, di un mondo dove l’agnello può stare tranquillo, un mondo cristico... che per il momento si realizza soltanto nel sogno, tregua momentanea... bella poesia.

 monica martinelli - 16/12/2011 14:19:00 [ leggi altri commenti di monica martinelli » ]

Scusa, ho sbagliato a postare il commento: erroneamente l’ho caricato sulla poesia "il mito degli occhi", perciò lo ripubblico qui!

Lo scorrere implacabile del tempo, e il suo portato di ricordi, si intreccia con la certezza della morte, ma la nostra finitezza si può sconfiggere solo nel silenzio del sogno..
Bellissimi i versi finali, e anche l’incipit: "Aspetto la pace dell’agnello col leone.."
ciao
monica

 Maria Musik - 14/12/2011 20:11:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Attesa della vera pace come compimento contenuto dalla fine dell’immanente, con riferimento ad un avvento possibile solo in congiunzione con l’apocalisse, sia essa globale od individuale. Eppure, essa si compie già nel sogno: il silenzio, quello vero, rende visibile l’incredibile. E la Bella Addormentata, sogna un silenzio antropomorfo, dotato di sguardo acuto e profetico. Bellissimo questo Silenzio che ha occhi e, chissà, forse anche labbra capaci di farci ridestare in un mondo dove l’agnello può giacere, sereno, accanto al leone.

 Meth Sambiase - 14/12/2011 19:42:00 [ leggi altri commenti di Meth Sambiase » ]

La chiusa riporta l’intero componimento allo scorrere del tempo.
Gli ultimi tempi saranno leoni affamati. Forse. Forse no, visto che gli agnelli non li vuol fare - fortunatamente- più nessuno.