:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di cristina bizzarri
Come dervisci

Sei nella sezione Commenti
 

 Censa Cucco - 27/01/2012 10:01:00 [ leggi altri commenti di Censa Cucco » ]

e’ una musica, un quadro... bella!

 Alessandro Mariani - 26/01/2012 18:38:00 [ leggi altri commenti di Alessandro Mariani » ]

Mi pare di avertelo già detto ma, in questo caso è ancora più evidente: è bellissimo, nelle tue poesie, il modo che hai di togliere il soggetto; ne risulta un nostro modo di percepirle che alimenta insieme speranza di poterlo cogliere e trepidazione per averlo trovato. Questa non è solo una tecnica molto moderna ( quasi a volere inglobare tutto lo scibile) ma anche un dono che tu possiedi.

 cristina bizzarri - 26/01/2012 17:43:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

E’ vero, ma è un errore del copia incolla! grazie a Franca e a Loredana!

 Franca Alaimo - 26/01/2012 15:22:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

i testi di Cristina mi piacciono moltissimo perché si bevono come un sorso d’acqua, tanto fluida è la concatenazione dei versi ed esatto il lessico. Si capisce che prima di essere trascritti sui tasti hanno attraversato la sostanza interiore dell’autrice che li ha meditatti fino all’esito dell’armonia. L’ultimo verso è bello,ma non necessario, Cristina, tu che ne dici? io sento un arresto della musica nell’orecchio.

 Loredana Savelli - 26/01/2012 14:38:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

I pensieri non ci abbandonano mai, forse sono il nostro vero motore, non si placano neanche di notte. Bello il verso: "cerchi inconsapevoli di vento".
Ciao!