Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di cristina bizzarri
Sfiorare

Sei nella sezione Commenti
 

 cristina bizzarri - 17/07/2012 21:49:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Grazie Maria! Capita, a volte ( a me che sono distratta anche troppo spesso purtroppo)di assentarsi dal contesto in cui ci si trova; e qualche volta durante queste "assenze" - ma non sempre - si sta davvero bene.

 Maria Musik - 17/07/2012 21:25:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Ma che bella... estatica (in tutti i sensi). La chiusa ha colpito anche me.

 cristina bizzarri - 17/07/2012 20:49:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Grazie Leonora, e si continua ...

 Leonora Lusin - 17/07/2012 20:42:00 [ leggi altri commenti di Leonora Lusin » ]

e sembra
alla vedetta sulla riva
che un calice trabocchi.

Bellissima chiusa,cara vedetta,e tutto il resto di particolare levità.

 cristina bizzarri - 16/07/2012 19:00:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Roberto, visto che stare qui alimenta la mia parte coraggiosa (!): sarebbe bello che tu ci scrivessi su qualcosa, intendo sulle parole strane, sui lapsus calami, sulle sviste da tastiera ... sarebbe davvero interessante.
:)

 cristina bizzarri - 16/07/2012 18:51:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Silvia: un’imprendibile come te la sa lunga sugli imprendibili! Ciao.

 cristina bizzarri - 16/07/2012 18:49:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Alessandro, credo che tu "mi" sappia molto bene decodificare. Il pensiero sale in un’assenza apparente dalle cose, un’estraneità, forse credendo di dimenticarsi di sé, di tutto ... Ma poi fra le cose/gli esseri, i loro "pigmenti", nel loro magma di colori: poi discende, rinnovato e ritrovato. E vede, dalla riva, una sorta di unione di cui lui stesso fa parte, senza sapere bene cosa o come. Il calice richiama l’idea dell’offertorio. Un offertorio all’esserci, per quanto enigmatico il significato dell’esserci possa essere!
Grazie della tua bella e significativa lettura.
:-)

 Alessandro Mariani - 16/07/2012 13:20:00 [ leggi altri commenti di Alessandro Mariani » ]

Primi tre versi discendenti, per grafica, terminano con la parola " salire": espressione magnifica di illogicità; andando avanti trovo sempre segnali direzionali: " in basso " pulsa il magma; " nel vento" la cartapesta scorribanda. Grande persuasione e energia verbale, come in tutte le tue poesie. Mi sembra che tu sfiori con la vista ciò che non conosci bene, "come le strade, gli uomini e i sentimenti", così come tutte le tue poesie sono accostamenti di una mente vivace e, scusa il gioco di parole, "bizzarra" alla vita e alle sue inclinazioni, da una parte all’altra. Il fatto di tracciare ideogrammi ci fa fare qualcosa insieme, ma come potremo mai capirli? alla fine un’immagine impersonale e oggettiva che fai tua del tutto con una sola parola : il calice che trabocca è viene vendicato dalla riva.
Non sono molto bravo a spiegarmi, posso riassumere tutto così: la visione di questa poesia si concentra appunto su ciò che non sai ma vorresti sapere, e queste cose hai capito possono essere solamente sfiorate, dalla mente, come diceva la tua poesia precedente. Se hai degli appunti da farmi o da sottolineare qualcosa che ti sembra inesatto, sarei lieto di integrare la visione dell’autrice con la mia. Un caro saluto - sei una preziosa presenza qui a LaRecherche.

 Silvia De Angelis - 16/07/2012 13:17:00 [ leggi altri commenti di Silvia De Angelis » ]

Sempre imprendibili e leggiadre sensazioni, nel tuo magnifico scrivere...
Inizia una bella settimana

 Cristina Bizzarri - 15/07/2012 23:21:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Pero’ etero ci sta proprio bene, visto quello che s’e’ detto ieri. In senso limitativo naturally.
E’ vero Loredana, io penso molto per immagini, hai visto benissimo!

 Roberto Perrino - 15/07/2012 22:15:00 [ leggi altri commenti di Roberto Perrino » ]

britto, etero, che meraviglia
disortografica se
la tastiera s’imbriglia

 Loredana Savelli - 15/07/2012 21:34:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Volevo dire etereo, trasparente.

 Loredana Savelli - 15/07/2012 21:18:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Molto densa di immagini, a dispetto del titolo etero. Pensi per immagini!
Buona serata Cristina

 Cristiana Fischer - 15/07/2012 18:01:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

lieve e musicale, come un vortice!

 Cristina Bizzarri - 15/07/2012 17:01:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Britto non e’ svedese ma odiosa tastiera cell .

!

 Cristina Bizzarri - 15/07/2012 16:57:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Eh si Luciana, il caldo fa britto scherzi, vedrai stasera ... :))

 Luciana Riommi Baldaccini - 15/07/2012 16:48:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

Cristina, dove sei andata a cercare scampo dal magma incandescente che ci cuoce? Sulle punte di un bellissimo pensiero-immagine, sei andata a liquefarti in quella coppa che sul mare trabocca un sole ancora pallido, rosa come una ninfea. Che bellezza!