:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di cristina bizzarri
Nel buio luminoso della mente

Sei nella sezione Commenti
 

 Silvia De Angelis - 08/09/2012 08:30:00 [ leggi altri commenti di Silvia De Angelis » ]

Metafore colorate, e un dire poetico molto ricercato, per approdare a intense immagini della mente, che coinvolgono, con la loro forza, l’anima...
Ti leggo sempre con immenso piacere, buon sabato

 cristina bizzarri - 07/09/2012 23:09:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Carla: grazie del sapiente! :-)
Giovanni: I’m ready! and:"I feel pretty!!!" (see video) :-)))
Franca: sì, fluttuano i nostri magici relitti, come tu magnificamente dici. Sous le charme. :-)

 Franca Alaimo - 07/09/2012 21:47:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

... oh, sì, mi piace questa lunghissima metafora che descrive misteriosi, sontuosi, fluttuanti relitti del viaggio della nostra vita affondati nella parte più profonda dell’io; quella mistione di chiazze di luce e d’ombra, di simboli maschili e femminili e soprattutto quella liquidità pronta a mutare: non è il ritratto della stanza interiore di Cristina,ma anche di ciascuno di noi?

 Giovanni Baldaccini - 07/09/2012 20:13:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Baldaccini » ]

C’è un galeone in vista, Alma del Mar: prepara i rampini d’abbordaggio. Io salirò sull’albero maestro e lancerò falene avvelenate contro i Grandi di Spagna ed i cappelli colmi di piume e vuoti di pensiero. Deciderai la sorte: botti di sangue o voce di pietà.
Quindi traineremo al monastero; spartiremo la preda. Non avrò donne: fiumi di rum stasera. E sonno per tregua di un continuo navigare. Mi canterai qualcosa; dormirò. Tu dormirai in un sogno e una voce sussurrerà al tuo orecchio: viva la fantasia. E un bacetto sulla punta del naso.

 Carla de Falco - 07/09/2012 19:01:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

che testo sapiente!
ciao, cristina.

 cristina bizzarri - 07/09/2012 18:00:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

E l’hai trasmessa eccome cara Cristiana, io volevo solo fare un po’ di show con chi stimo e credo sia più in là di me come cultura e competenza...
E ho imparato che cos’è la "contradictio in adiecto", il che non è poco dato che non ne avevo la benché minima idea.
Con questo rimango dell’idea che ... no sto scherzando!!! :-))

 Cristiana Fischer - 07/09/2012 17:02:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

perdonami il gusto paradossale, vedevo nella punta immacolata e nelle nere ali una contraddizione tra luce e scuro rasserenante, e volevo trasmetterla!

 Cristina Bizzarri - 07/09/2012 15:10:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Miravo, Cristiana, al contrasto forte tra due immagini, quasi drammatico. Ma un’affermazione non esclude l’altra, trovandosi in due sintagmi separati e non all’interno della stessa proposizione, e alludendo a due "luoghi" differenti dell’imbarcazione (e del mio io simbolico). Non mi sembra una contradictio in adiecto vera e propria, ma non ne sono sicura ... Tu che dici? (qui si vede la mia scarsa conoscenza del latino, insufficiente della filosofia e quasi nulla delle figure retoriche!)

 Cristiana Fischer - 07/09/2012 14:03:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

"la punta immacolata/del bompresso" e "sulla cima del pennone/nere ali di pirata" contradictio in adjecto?