:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di cristina bizzarri
Che schifo di mondo ci rimane

Sei nella sezione Commenti
 

 Emilio Capaccio - 17/12/2012 23:21:00 [ leggi altri commenti di Emilio Capaccio » ]

Cara Cristina, il mondo è sempre lo stesso, né migliore, né peggiore,
sono gli uomini che peggiorano e paradossalmente in misura più che proporzionale alla soglia di agiatezza.

Quando morivamo di fame, eravamo felici!

Un bacio, mia dolce!

 Gloria Baldazzi - 15/12/2012 23:20:00 [ leggi altri commenti di Gloria Baldazzi » ]

E’ stata pura utopia la nostra di avere un mondo migliore. Ne è passato di tempo da quei nostri sogni più o meno giovanili ed invece ci ritroviamo in questo schifo tremendo...
Si fa largo la voglia di andarsene
Gloria Baldazzi

 Alessandra Ponticelli Conti - 15/12/2012 22:16:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Che schifo di mondo ci rimane! Cristina, quanta verità in questa tua amara constatazione. Non so se serva pregare, ma continuerò a farlo, nonostante tutto. Grazie per questa poesia che ho trovato bellissima.
Un abbraccio
Alessandra

 Cristina Bizzarri - 15/12/2012 11:23:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Ho sentito forte il bisogno di fare un gesto, qualunque cosa per non rimanere indifferente, e la tentazione c’era: pensare ad altro, sintonizzarmi su un pensiero, una cazzata qualunque. Poi sono venuta al computer piena di vergogna e di resistenze. E poi ho scritto. E mi sono sentita meglio. Un segno tra i miliardi di segni che noi tutti siamo e, vivendo, informiamo: vorrà pur dire qualcosa. Io non sono religiosa in senso confessionale, ma sento e credo che ogni respiro che facciamo è prendere e restituire qualcosa a "qualcuno" - noi stessi, certo, ma anche un tutto che ci comprende, non importa sapere il nome e il cognome. I vostri commenti sono una prova del fatto che l’amicizia è un dono, oltre ad essere così significativi e veri. Vlad: la rima non era voluta, ma comunque è vero quello che dici: credo che la vita stessa sia patetica, per come inizia, per come finisce. Questo non toglie che noi siamo il senso e la parola. (La mia davvero minima ... ;-) ) In alcuni raggiunge le vette più alte.

 Massimo Caccia - 15/12/2012 01:05:00 [ leggi altri commenti di Massimo Caccia » ]

L’invito alla preghiera sembra aver destato imbarazzo tra i lettori. Cosa normale, oggi, quando siamo immersi nella cultura del rumore. La preghiera è silenzio, raccoglimento...tacere...forse nemmeno si può dire, senza prima avere fatto spazio.
Un testo che tornerò a leggere.

 Vlad - 15/12/2012 00:54:00 [ leggi altri commenti di Vlad » ]

insomma. a dire la verità, insomma. apprezzo molto il tuo modo di scrivere, e il contenuto di questa. ma critico completamente la resa totale. viene davvero voglia di scrivere troppo, lì dove sarebbe meglio togliere, che aggiungere.

e la pietà con la rima annessa è - mi perdonerai - tristemente patetica. nel caso mi scappasse, come autore, farei di tutto per reciderla, in un testo come questo.

e tante altre cose, ma vabbé, sono io, non tu.

 Franca Alaimo - 15/12/2012 00:03:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Cosa giudicare di questa poesia? Se esamino il contenuto, non posso che dire: Che schifo di mondo ci rimane; però non voglio fare questo, non voglio né piangere, nè pregare. Voglio mettermi di fronte all’oggetto-poesia e coglierne tutta la bellezza, quella bellezza che non è sconciata dalla violenza dei fatti, ma che vibra intensa, luminosissima, tenera, attraverso versi che, pur nati da un sentire immediato, sono, per esperienza di chi scrive, già filtrati e depurati da ogni eccesso, da ogni stridore, prima di posarsi sulle pagine.
L’urlo c’è ancora, ci risuona nelle orecchie, è vero; però la sua eco giunge fino a Dio, è là l’accoglie il supremo amore; perché non è Lui che non c’è, è l’uomo che non c’è...
A te un bacio per avermi donato una poesia così vera e così bella.
E’ la poesia del mondo che ci rimane.

 Giovanni Baldaccini - 14/12/2012 22:48:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Baldaccini » ]

Una serata difficile, Cristina, non solo per quello che hai scritto tu, che pure è gravissimo. Viene voglia di andarsene da questo mondo assurdo; unica ragione per restare: gli amici. Grazie di esserci Cristina, e di scrivere con tutta la tua anima. Io non credo in una trascendenza e tuttavia mi associo: c’è davvero bisogno di pregare.

 Carla de Falco - 14/12/2012 22:12:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

Preghiamo. In silenzio, per una volta tanto.

 Luca Soldati - 14/12/2012 21:43:00 [ leggi altri commenti di Luca Soldati » ]

No Cristina carissima credo proprio di no.

 Cristina Bizzarri - 14/12/2012 21:26:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Caro Luca,chi ci ascolterà?
Preghiamo. Respiriamo: non è lo stesso?

 Loredana Savelli - 14/12/2012 21:24:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Sì, che schifo di mondo, quanta disperazione. Pregare, sì, per chi rimane come noi nella desolazione e nello sgomento. Un abbraccio forte, è un dolore insopportabile.

 Luca Soldati - 14/12/2012 20:58:00 [ leggi altri commenti di Luca Soldati » ]

... sì Cristina, preghiamo, ma chi ci ascolterà?...

Ti abbraccio