Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di cristina bizzarri
È quasi l’ora che sei entrata nel silenzio

Sei nella sezione Commenti
 

 Fausto Torre - 04/01/2014 16:38:00 [ leggi altri commenti di Fausto Torre » ]

mi ha fatto piacere leggere questi ultimi vostri interventi.
Ognuno fa il ritratto di se stesso. A volte sottovalutiamo la virtualit, mentre invece, per la sua natura maggiormente scrittoria, rivela forse i tratti pi profondi della personalit.
E il rischio di cattiva interpretazione sostanzialmente identico a quello della realt fisica.

  Cristina Bizzarri - 04/01/2014 16:37:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

A te. Fa bene, sempre, quello che dici.

 Lorenzo Mullon - 04/01/2014 15:48:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Le nostre vere capacit stanno nell’essere semplicemente noi stessi. Ognuno un miracolo, a modo suo, se sa trovare la miniera che .
I geni non esistono, la definizione di genio un bluff, buona solo per vendere aria fritta ad un pubblico inconsapevole. E comunque, ogni "genio" lo diventa solo per grazia ricevuta, nessuno si pu autocostruire da zero, o inventarsi delle qualit che non possiede, e che piovono solo dal cielo, comunque lo vogliamo intendere.
Persino la volont un dono. E la pigrizia non una colpa, cosa c’ di male nella pigrizia? I sassi sono pigri? E gli alberi? E i poeti? Parassiti! tutto un non senso di giudizi prodotti dalla nostra cultura dell’efficienza e del successo, siamo davvero malati.
Fosse almeno un’efficienza per creare cose belle, e durevolmente belle...
Grazie, Cristina.

 Cristina Bizzarri - 04/01/2014 14:47:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Certo che fa bene Lorenzo, come quando la sera ci si spoglia, se si donne (o magari anche uomini a volte ) ci si strucca - e ci si vede cos come si . E non si pu proprio fingere, si sa quello che si . Poi si liberi di continuare - o meno - i giochi di ruoli. Ma credo che ognuno sappia con esattezza le sue vere capacit, e tutto quello che lo status symbol, il mercato e merdai (scusa) vari possono raccontarci - e guadagnarci sopra - non tolgono nulla al fatto che un cretino un cretino, uno in gamba uno in gamba, un genio un genio, et ainsi de suite. Credo che stare qui, discutere, scoprirci, sia di grande aiuto. Io, quasi sessantenne insegnante in un istituto professionale, mi prendo sul serio non prendendomi sul serio, e creo i miei testi con il gusto di un piccolo artigiano dilettante, felice che qualcuno li apprezzi - qualcuno che spesso ne sa ben pi di me ma ci vuole poco - e sapendo che qualsiasi cosa mi si dica, e il piacere o l’inquietudine che io ne possa provare - io rimango una tizia che qui, soprattutto, si sente in compagnia di persone che nell’insieme le piacciono. Il discorso dei mercati antropofagi purtroppo esteso a tutto, anche alla scuola. Poverini i ragazzi che devono faticare per non essere rincitrulliti dai luoghi comuni che spesso gli adulti (tra cui mi ci metto anch’io) gli propinano. Ma credo abbiano le risorse per ripulire la fogna che hanno intorno, ci vorr del tempo. E ci sono diverse isole felici a saper cercare, no?

 Lorenzo Mullon - 04/01/2014 14:26:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

opps, collane editoriali, non editrici, pardon...

 Lorenzo Mullon - 04/01/2014 14:18:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Cara Cristina, non per voler chiudere l’argomento, anzi per volerlo riaprire, perch prima o poi bisogner pure affrontarlo questo dannato argomento, di quello che stato, e in parte perdura, l’inquinamento della poesia, e dell’arte in generale, in Italia e ovunque, dovuto alla bestia nera del mercato, all’assegnazione dei premi Nobel, e ai sotto premi vari. Si sono create delle caste, nei giornali, nelle case editrici, nei partiti, di cui nessuno ovviamente parla, in pubblico almeno, con privilegi inauditi e vere e proprie dittature. Nessuno parla di quanto la cultura di massa abbia fatto male alle nostre coscienze, creando ambizioni e aspettative davvero fuori luogo. Arroganza presunzione e follia potrebbe essere il titolo di questo racconto dell’orrore, con un folla di mostri come protagonisti. Per dirne solo una, una soltanto: ci fu un periodo in cui organizzavo degli incontri di poesia, a Milano, con uno spirito davvero da ingenuo. Invitavo i poeti "ufficiali", che arrivavano con i loro accompagnatori rigorosamente in fila indiana, secondo un ordine gerarchico prestabilito. Vere e proprie cordate poetiche. Quale lo scopo, quale il senso? Maestri e discepoli? All’inizio pensavo cos. Magari! Rispecchiavano il potere assunto dai diversi figuri nelle case editrici e nei giornali, o nella politica, e in ballo c’erano, e ci sono in parte ancora ancora, stipendi da capogiro, collane editrici in cui pubblicare, finanziamenti pubblici, festival della letteratura etc... persino assegnazione di case "popolari" in pieno centro. Un vero schifo, da cui sono appunto scappato. Possibile non ci sia nessuno storico o critico letterario, o studioso di antropologia o di antropofagia, che se ne occupi???
Ringrazio il cielo per essere scappato dalla metropoli, e per questi quattro anni di camminate in montagna, che mi hanno quasi guarito dall’angoscia provocata da quelle vicinanze, per fortuna relative, ma opprimenti e mortifere.
Ogni tanto, per, le cose ritornano a galla, quando si parla cos a ruota libera, di quello che succede o successo...
Perdona lo sfogo, ma spero che sia utile a qualcuno, magari ci si riconosce, per le umiliazioni subite e l’infinito stress, e gli faccia bene.

  Cristina Bizzarri - 03/01/2014 23:28:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Mi piaciuto assistere a posteriori a un dibattito appassionato e appassionante. Mi sento un pochino una Svign che ospita nel suo salotto uomini e donne d’ingegno e, magari, ascoltando e rimanendo in disparte, si fa un’idea delle varie personalit
che ha ospitato. Grazie dei vostri interventi, ognuno si attaglia secondo me alla perfezione al ritratto che mi sono fatta di ciascuno di voi. Anche mia madre, che non aveva fatto scuole alte ma adorava Proust, si sarebbe seduta con la sua immancabile Marlboro e avrebbe sorriso con quella dolcezza sarcastica e triste che la rendeva lunatica e affascinante. Domenico, mio diletto, la Carte du Tendre ti aspetta ...
Un buonanotte particolare a Loredana, anima eccellente del salotto recherchiano.
Vi voglio bene. :-)

 Fausto Torre - 03/01/2014 22:56:00 [ leggi altri commenti di Fausto Torre » ]

neanche a me piace l’esegesi. Mi parrebbe di tornare a quelle parafrasi e note critiche della scuola superiore. Intollerabili.
Mi scuso ancora per le intromissioni. In ogni senso.
E’ che a me i commenti elogiativi possono anche stare bene, ma solo se mi spiegano perch una cosa fatta bene. Senn mi annoiano, non ci trovo alcunch di interessante. Preferisco chi mi dice brutte cose. Mi diverto di pi. Mi incuriosisco. Mi animo. Non sopporterei invece la maleducazione.
Un giorno il mio maestro mi disse: se uno stesso brano lo suono io, con gli stessi tempi, con la stessa tecnica, con la stessa precisione di uno come, che so, Pollini Maurizio, giusto per dirne uno universalmente riconosciuto, il pubblico preferisce sempre il secondo, perch evidentemente ci sono delle cose, nella sua esecuzione, che improvvisamente non si notano, ma non mancano.

Grazie a tutti per la pazienza. In realt mi sono trastullato in questi giorni, prima di tornare ai castranti doveri. Buona continuazione.

 Giovanni Baldaccini - 03/01/2014 22:32:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Baldaccini » ]

Non si pu fare solo esegesi, ed io infatti non ne faccio anche perch non ne sono capace. Me ne asterrei comunque, anche se trovassi quelle che per me potrebbero essere imperfezioni stilistiche - e per me lo stile conta - perch dal testo promana anche qualcos’altro che conta lo stesso se non di pi. Mi riferisco alla dimensione umana che, se anche con eccesso di parole, parla e dice molto. Forse dico questo perch so da dove quella dimensione emana ma, anche se lo ignorassi, lo direi lo stesso perch quella dimensione dolente di un’evidenza estrema ed anche questo significato. Dunque un testo pu esser letto in molti modi; per me deve parlare, qualsiasi sia il modo in cui lo fa, ma non detto che ci che per me parla ed ha importanza debba suonare allo stesso modo anche ad altri. Comunque, le parole aiutano.

 Lorenzo Mullon - 03/01/2014 21:19:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Sembrava che non fosse cos, con Francesco Leonetti, un gigante, per carit, per aveva dei motivi anche editoriali, per sostenere la parte, sai quando ci sono degli interessi concreti da difendere, roba politica, penso, finanziamenti... avevo proposto di rifare Milano Poesia, mi bloccarono, e fu un bene, perch mandai al diavolo tutto e tutti, e mi misi a fare il poeta ambulante, ol!
Scusa anche me, Cristina, per l’invasione... ma colpa di quel pettegolo di Domenico...

 Domenico Morana - 03/01/2014 21:10:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

Ma dici a me (Lorenzo)? (The Niro - Taxidriver)
Dici a me? Allora ti do un bacio perch diciamo le stesse cose:

- La deriva sia verso ovunque. La porta l.
(S’intende da aprire, non nel senso di mettere alla porta... forse sar stato poco felice... ma per me il senso quello dell’apertura).

- Do what thou wilt shall be the whole of the Law

- Nothing is True, Everything is Permitted

Quanto al child on the tower, se non ha ancora perso i capelli come me, ne faccia trecce da innamorarne o scenda e guardi chi rimasto lass e si chieda di cosa possa aver bisogno pi di chi sta a piano terra.

Leonetti? Non mi risulta. Da che Poesia la si fa con le parole, questo tutto, per quanto ne so. E i poeti sono sempre gl’innamorati delle parole, raramente corrisposti.


Riciao, Cri

;)

 Fausto Torre - 03/01/2014 20:35:00 [ leggi altri commenti di Fausto Torre » ]

ops, spero non sia stato il mio intervento a generare questa grandiosit di contro risposte.
In ogni caso, parlando di imperfezioni, mia nonna diceva sempre: gioia (era il suo modo di chiamarmi), dipende da qual l’imperfezione. Come per le persone che si dichiarano nel bisogno, dipende da qual il bisogno.
Ad ogni modo, mi rendo conto che su questo sito ci sono presenze di notevole spessore e preparazione, alle quali io non ho nulla di interessante da proporre.
Non pu che farmi piacere.
Domenico, mi piaciuto molto barocca rea confessa innocente rotondit.
In effetti, chi pu dirsi innocente a questo mondo?
Aoh, tengo solo 47 anni. Ora non pensiate che io sia cos old!
;-)
p.s. grazie Cristina per lo spazio.

 Lorenzo Mullon - 03/01/2014 20:24:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Guarda, caro orfano di trecce, che proprio dello stile autoritario delle generazioni anziane lo smontare gli altri con ironie ideologiche, non cadiamo nella trappola, evviva la libert d’espressione!
A Milano, anni fa, Leonetti mi aveva violentemente apostrofato con un lei un innamorato della parola poetica... non ho ancora capito che male c’ ad essere innamorati, mah, sar stato invidioso...

 Domenico Morana - 03/01/2014 20:01:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

Chiedo scusa a Cri se non mi dilungher a commentare il suo testo che pure mi colpisce tanto per il suo denso fervore.

Approfitto invece, maleducatamente, della sua ospitalit che so per certo in campo neutro (so quanto mi vuol bene e che mi perdonerebbe ben altro o quasi) per dare metaforicamente fiato a un mio personalissimo delirio sotto a una torre dalla cui cima sembra che non possano srotolarsi trecce per innamorate scalate e invece no.

E mi riferisco a quello che m sembrata solo una incomprensione, tra commenti e repliche, nel recente benvenuto a valente poeta da valente poeta, a proposito di ironie da una parte, rese fin troppo sottili dallesperienza (in senso blakiano) ed emergenze di barocca rea confessa innocente rotondit dallaltra (blakiana pure, ma sullinnocenza ho qualche dubbio).

Imbuco dunque un delirietto a uso dei credenti.

Cos non sesce dalle simultanee derive dellarcipelago della poesia verso le rive della musica o della pittura o di altre umane arti che subirono gi nel diciannovesimo secolo in occidente unaccelerazione dovuta allapparizione di poeti come Mallarm e Rimbaud - per citarne solo il binomio dellantinomia normativa che ha caratterizzato tanta Recherche sulla vera essenza della poesia, ora anelandosi in musica, per esempio con il sublime fallimento di un Ren Ghil sul versante di una sottomissione fonosimbolica elevata a trattato metodologico, o con i traguardi altissimi di un Olivier Larronde, che per sarebbero stati pagati con loblio se non contaminati coi lieviti di una precoce ronsardizzazione via Verlaine (ma questo il grande dimenticato, il pi grande, lHomme); e dove la poesia si faceva visionaria lo fece con un dettato spinoso e immusicale inimitabile e gener s titani, ma di unaltra razza: impensabili i Klein, Pollock, Fontana, Burri & co. se non nel vento di quelle suole fanciulle, e veri figli legittimi, maggiori e pi responsabili e consapevoli di quelli postumi ottenuti dal lascito seminale in provetta di un amputato che certo non saugurava una prole affetta da tabe eidetica, quella che i cerusici in buona fede battezzarono con nomi strampalati come Poesia Visiva o Poesia Concreta.

Ci fu chi tent una sintesi; cos Santo Artaud le Mmo si trov - virt in mezzo, bollata di follia - a generare ciclopi glossolalici in veri corpi danzanti senza (sans) organi: lHimalaya delle Lettere tuon crocifisso gridando a Baudelaire: Padre, perch mi hai abbandonato? Fu ed un gran teatro dellEssere. Strano che la sua Via sia pi apprezzata e valorizzata in Oriente, forse l gli umani sono pi pazzi e pi santi.

Concludo questo breve delirio, spero non sospettabile di saccente inquinamento delle pure fonti da cui deve sgorgare un contributo danima sincero, ricordando almeno due pi recenti derive: poesia mantrica (e rinvio a una facile ricerca sul web per quanto di interessante ne ha scritto Tommaso Iorco con riferimento al nostro Arturo Onofri o alla poesia di Sri Aurobindo), e la meravigliosa imperfettibile imperfezione a cui allude lilluminato Nando.
Ecco, si tratta solo di un augurio: che, soprattutto nel far poesia, per lorda lunare di Gog e Magog, savveri la profezia dei Conviviali di Pascoli: Sbocc bramendo e il mondo le fu pane.

La deriva sia verso ovunque. La porta l.


Do what thou wilt shall be the whole of the Law - Aleister Crowley

Nothing is True, Everything is Permitted W. S. Burroughs


Che pettegolo che sono, pero!

;)

 Loredana Savelli - 03/01/2014 18:49:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Un genere di poesia che non si smette mai di scrivere.
Ciao Cristina, buon anno, hai iniziato con grande dolcezza.

  Cristina Bizzarri - 03/01/2014 14:01:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Nando, grazie a te per il tuo commento cos sentito e come sempre profondamente e intelligentemente umano. Sei un Amico qui alla Cerca, un amico vero. Ciao.

 Ferdinando Battaglia - 03/01/2014 13:41:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Se sguscio il testo, mi rimane in bocca il sapore di un vissuto, autentico e doloroso; e nonostante il retrogusto sia alquanto amaro, lo assaporo nella forma che la poesia offre alla nostra umanit, per trasfigurare anche il lutto nel Bello. senza entrare nel merito "tecnico" che non mi compete per ignoranza, riconosco che tutto perfettibile e ogni artigiano cerca la propria perfezione; ma non ridurrei l’essenza della poesia alla perfezione formale, la consegneremmo senza resistenza al codice binario, con il quale anche un pc casalingo potrebbe trasformarsi in novello Dante (tra l’altro, proprio ieri leggevo a proposito degli haiku, l’elogio dell’imperfezione... oppure pi o meno cos).
Grazie Cristina, sempre un dono leggerti e leggerti nelle parole cos intime e dolorose; e chiedo
per l’intrusione in altro argomento.

  Cristina Bizzarri - 03/01/2014 13:36:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Grazie a tutti. Fausto, individui i punti che non sono riuscita a dire diversamente. Infatti sono tutti risultato di correzioni mal riuscite. Devo rivederla, ci tengo a questo mio momento. Grazie, incisiva la tua presenza, e di aiuto a una pi distaccata osservazione.

 Fausto Torre - 03/01/2014 13:08:00 [ leggi altri commenti di Fausto Torre » ]

come ti ho detto altre volte, la tua sensibilit poetica mi colpisce. Delle volte mi rimangono delle perplessit, come ancora nei seguenti casi che voglio esprimerti: l’ora che sei di quelle cose della lingua parlata che solitamente fanno sobbalzare, per quanto possa, una espressione come questa, dirsi licenza poetica, non credo sia qui il suo caso ottimale.
Io spesso leggo ad alta voce i testi per capirne il contenuto sonoro, e in -oppure scompariva- mi sembra che quello scoppiettare di p sia in netto contrasto con l’immagine, disturbandola alquanto. Sar che il termine oppure non mi affascina pi di tanto. Non saprei.
-Sorda a ogni tenderti la mano- mi sembra invece una contorsione inutile e poco funzionale. Perch usare il verbo, cos’, mezzo sostantivato?, obbligandosi a quell’uso del termine ogni, il quale comincia a diventare troppo comodo, alla pari di un senza (?).


 Luca Giordano - 03/01/2014 10:21:00 [ leggi altri commenti di Luca Giordano » ]

La sincerit e il vissuto quando sono veri fanno poesia.
Bella anche se dolorosa.
Ciao Luca.

 Marco G. Maggi - 03/01/2014 10:06:00 [ leggi altri commenti di Marco G. Maggi » ]

Sento pi che mai il vibrare delle corde profonde della tua anima, cara Cristina. Poesia che nel suo struggimento e bellezza diventa consolazione: almeno te lo auguro di cuore. Un abbraccio, Marco

 Lorenzo Mullon - 03/01/2014 09:12:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Una madre come la poesia, che sta entrando nel silenzio straziandoci il cuore

 Adielle - 03/01/2014 08:33:00 [ leggi altri commenti di Adielle » ]

Vibra questa materia e mi accosto con cautela fino al bordo per sentire meglio ogni sospiro che non se ne perda una goccia, la mia stessa vita che viene raccolta e mi ricordo di Alvaro quando per qualche istante ancora rimase mio padre per consolarmi della malattia ottusa che lo colp sul calar della sera sulla sua vita di una volta.

 amina.narimi - 03/01/2014 08:02:00 [ leggi altri commenti di amina.narimi » ]

stupenda. di una bellezza che il cuore se la porta via, che piango ignara delle mie parole che ripeton " calmati" ... la pelle del mattino cos sottile che pu andare ovunque fino ad abbracciarti forte, fino a l, dove sei, con Lei