:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di cristina bizzarri
Ognuno dice parole come intere

Sei nella sezione Commenti
 

  Cristina Bizzarri - 12/06/2014 14:00:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Lor se fant

 Loredana Savelli - 12/06/2014 11:15:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Ha ragion Crist, ma pronunciar parol inter. potrebber ess pe sempr
Bac bac

 Marco G. Maggi - 12/06/2014 10:32:00 [ leggi altri commenti di Marco G. Maggi » ]

Il porsi dei dubbi, non soffermarsi graniticamente sulle proprie opinioni, è sempre sinonimo di intelligenzab (e di umiltà). A volte bisogna buttarsi, con un po’ di coraggio e di incoscienza, prendere una risoluzione, ma chi può dire qual’è la strada giusta, l’idea migliore?
Ciao Cristina

  Cristina Bizzarri - 12/06/2014 10:06:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Sì. Quando e mentre parlo, spesso mi rendo conto che le parole hanno infiniti - o quasi? - sensi e diramazioni. Niente è mai definitivo - giudizi, opinioni ... tutto varia, trema, grida, tace, soffre, gioisce, muta. Tutto vibra, anche le nostre certezze. Si tende a - senza mai davvero giungere. Dove poi?

 francesco innella - 12/06/2014 08:36:00 [ leggi altri commenti di francesco innella » ]

Ciao corteggi l’impermanenza ? Bella poesia

 Ferdinando Battaglia - 12/06/2014 07:53:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

L’impermanenza, madre d’incertezza e di gioia, esultanza che nasce dallo stupore quando ancora pronuncio, con voce tremolante d’emozione: tu.

Ciao Prof.!