:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
invia la tua opera in concorso (Poesia e Racconto breve)
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di cristina bizzarri
Metodo dell���immanenza

Sei nella sezione Commenti
 

 Fausto Torre - 12/09/2014 22:31:00 [ leggi altri commenti di Fausto Torre » ]

trasmette forte coesione; si solidifica in un passaggio di permanenza consustanziale.

p.s. certo che puoi visitare le visioni, ci mancherebbe.
pps: i to visitazzioni sunnu megghiu di me testi ;-)

 Piergiorgio Troilo - 12/09/2014 22:16:00 [ leggi altri commenti di Piergiorgio Troilo » ]

"sei tu a essertene andata o io ad averti abbandonata?
Rimani.
C’ tanto amore ancora. Qui."
Sono le parole che avrei voluto dire a mia madre, che vorrei dirle ora...grazie per questi versi intensi e commoventi!

  Cristina Bizzarri - 12/09/2014 18:36:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Forse s Francesco, forse proprio - rifacendomi alla teologia - il "metodo dell’immanenza" quello a cui mi sto sentendo sempre pi vicina. Il Divino, seppur nascosto, che si lascia intravedere solo "per orme" e tracce sbiadite, nel mondo e tra di noi: anche nel mio piccolo cucinino rosso mia madre ritorna, e in questo contatto impossibile ma di cui sento tutta la tensione e il desiderio - intravedo la possibilit di un Dio che, pur abitando un oltre, mi fa sentire una
mancanza, un vuoto che forse potr essere colmato. In una realt che per ora non nemmeno pensabile immaginare. Dove l’acuta e a tratti struggente mancanza, il desiderio e la speranza coesistono. Loredana, adesso sai chi ! :-)

 Francesco Innella - 12/09/2014 16:23:00 [ leggi altri commenti di Francesco Innella » ]

La tua una poesia del ricordo, molto bella. Adesso scrivi su temi pi concreti hai abbandonato la tua vena metafisica?

 Loredana Savelli - 12/09/2014 16:13:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Un’amica scomparsa? O una "te stessa" svanita nella lontananza, cui vorresti restituire qualcosa?
Qualunque cosa sia, il tono dolce che rapisce, il senso di ineluttabilit, l’onest di ricordare, che un modo per dare ci che ancora si pu.
Ciao Cristina (... buon anno)

  Cristina Bizzarri - 12/09/2014 12:39:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

vero Lorenzo. Un grazie a tutti voi!

 Lorenzo Mullon - 12/09/2014 12:21:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

l’unica strada per superare l’angoscia dell’impermanenza l’apertura del cuore
quando si apre veramente, i confini si afflosciano e il tempo non esiste pi

 Amina Narimi - 12/09/2014 11:35:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

Bellissima..quando torna la tua poesiacheamo un moto d’amore che mi porta via

Un abbraccio Cristina

 Lucia Longo - 12/09/2014 10:46:00 [ leggi altri commenti di Lucia Longo » ]

Sei stata molto amata e non te n’eri accorta.
Neanch’io.

Si arriva dritta al cuore.

Buona giornata

 Ferdinando Battaglia - 12/09/2014 10:39:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Prof., quando "ti lasci andare" superi per scrittura e contenuto le tuo stesse tra le migliori scritte; e "di quel tuo pianto ironico e assoluto" direi che un verso capolavoro che, per me, rimane a paradigma del piacere di ogni lettura poetica.

 Sara Cristofori - 12/09/2014 09:31:00 [ leggi altri commenti di Sara Cristofori » ]

arriva dritta dritta in mezzo al petto questa tua dolcissima...

 cristiana fischer - 12/09/2014 08:43:00 [ leggi altri commenti di cristiana fischer » ]

lo struggente rimpianto di non aver saputo condividere allora, in vita, con la madre, la sua vita in comune con la nostra
lo dici proprio bene, semplice e perduto com’, perduto