:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di cristina bizzarri
Dove dormono le stelle

Sei nella sezione Commenti
 

 Cristina Bizzarri - 25/12/2015 10:04:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Grazie cara Silvia. Auguri!

 Silvia De Angelis - 24/12/2015 08:19:00 [ leggi altri commenti di Silvia De Angelis » ]

Grandi emozioni suscitano questi fluttuanti, ma profondi versi, d’un sentire speciale, oltre la soglia d’una realtà tangibile...
Bellissimo leggerti, Cris, trascorri un radioso Natale,silvia

 Cristina Bizzarri - 19/09/2015 09:27:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Grazie Giuseppina! :-)

 Giuseppina Rando - 19/09/2015 07:59:00 [ leggi altri commenti di Giuseppina Rando » ]

..." tu splendi ovunque si smarrisca il tempo"...richiama l’indefinito e vago leopardiano.
Profondamente intellettiva, la poesia ha la leggerezza di una nuvola malinconica e nostalgica.
Molto bella !

  Cristina Bizzarri - 06/09/2015 11:24:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Un buongiorno e un grazie a tutti in questa giornata fresca, almeno qui nelle Marche.
Ad Alberto Rizzi, nuovo amico - mi permetto di usare questa parola - di noi Chercheurs un grazie particolare. Mi fa piacere e mi incoraggia quello che mi scrivi.
Devo dire che cerco di "aggiustare" i miei pensieri e il mio sentire alle mie possibilità linguistiche, e spero almeno in parte di supplire alle mie carenze con un po’ di ritmo e di leggerezza!

 Alberto Rizzi - 06/09/2015 09:20:00 [ leggi altri commenti di Alberto Rizzi » ]

Ho letto alcune delle tue ultime cose: hai una leggerezza che t’invidio (non è nelle mie corde...) e che controlli, senza cadere nella trappola di un’ironia fine a se stessa; così da non scalfire la profondità di quello che vuoi trasmettere. Una qualità non da poco.
Grazie.

 Marco G. Maggi - 04/09/2015 12:49:00 [ leggi altri commenti di Marco G. Maggi » ]

Sempre bello leggere (ed ascoltare) la profondità delle tue parole. Ciao Cristina

 Valter Casagrande - 04/09/2015 10:33:00 [ leggi altri commenti di Valter Casagrande » ]

tu splendi ovunque si smarrisca il tempo... è l’infinito, l’eternità il superamento della caducità e brevità della vita, l’immortalià della poesia.

 Fiammetta Lucattini - 04/09/2015 09:42:00 [ leggi altri commenti di Fiammetta Lucattini » ]

Come sempre tenti un’impresa audace, quella di mescolare ai sentimenti più interiori immagini originalmente oniriche.
Cari saluti

 Nando - 03/09/2015 07:25:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

Tragica e affascinante rivelazione poetica, che scolpisce in bellezza vocata a durare, la confessione di un’anima che ha sfiorato in sé della stessa sostanza l’alterità vitale di un tu.
Anche qui, non colgo tanto il tratto nostalgico o doloroso di un’assenza statica, quanto la centralità nel destino degli alberi dei frutti ovvero nel Noi paradigma di ogni relazione.

Non rimanga taciuta la grandezza del dono che ci offri con questi tuoi versi.

Ciao, Prof..

 cristiana fischer - 02/09/2015 18:22:00 [ leggi altri commenti di cristiana fischer » ]

nelle creature complesse che siamo anche l’assenza non ci lascia mai

 Loredana Savelli - 02/09/2015 16:24:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Che bella! Ci leghiamo all’assenza più che alla presenza.

 Luciano Rosario Capaldo - 02/09/2015 11:19:00 [ leggi altri commenti di Luciano Rosario Capaldo » ]

Versi tristi ma di grande amore, di grande bellezza. Maschere che coprono il vuoto ed altri occhi che sembrano vedere in parallelo danno l’idea di uno sdoppiamento , di una relatà che non si vuol accettare. Apprezzatissima Poesia.