Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di cristina bizzarri
A Roma e al mondo silenzio

Sei nella sezione Commenti
 

 cristina bizzarri - 28/03/2020 20:05:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Arcangelo, il tuo nome racconta di te.

 Arcangelo Galante - 28/03/2020 14:17:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Elegante e delicato, l’anemone è un delizioso fiore primaverile, leggiadro e fragile, che racchiude l’intensa e precaria bellezza di tutto ciò che è fuggevole.
Pertanto, esso va apprezzato, qui e ora, senza rimandare, giacché, dopo, potrebbe essere troppo tardi.
Non a caso, nel linguaggio delle piante, è simbolo della brevità delle gioie d’amore terrene.
Il nome gli fu attribuito da Teofrasto (antico filosofo e botanico greco che fu discepolo di Aristotele) e significa fiore del vento, per il temperamento delle sue corolle che ondeggiano lievi, anche con la più blanda brezza.
Cosicché, l’autrice Cristina lo ha garbatamente adoperato a pennello nell’opera, a simboleggiare lo stato di bellezza spirituale di Papa Francesco e di fragilità del mondo silente, dinanzi allo scenario descritto di immenso vuoto, che circonda persino l’umano dolore.
Un testo sicuramente toccante, nonché intensamente riflessivo!

 cristina bizzarri - 28/03/2020 09:40:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

L’ho dedicata a lui, al suo e nostro errare in questo mondo di esilio. Grazie del tuo meraviglioso, come sempre, commento Laura.

 Laura Turra - 28/03/2020 06:35:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Meravigliosa poesia, Cristina, con quell’amen ripetuto che la rende una preghiera...
E l’anemone, questo delicato fiore del vento, fragile come l’uomo, come noi tutti, che siamo soffi... C’è però quella parola “stabat” che dice che siamo anche qualcosa che resiste. Ànemos, vento, ma anche anima, spirito.
Perdona la mia interpretazione, magari inopportuna.
Leggere i tuoi versi mi ha riportato all’immagine del Papa ieri sera in piazza San Pietro, così bianco, così stanco, così umano...
Un abbraccio stretto