:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
invia la tua opera in concorso (Poesia e Racconto breve)
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Gil
L���uguaglianza di ogni identit��

Sei nella sezione Commenti
 

 Salvatore Pizzo - 28/01/2020 18:41:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Fanno molto male questi tuoi versi, mio caro Gil: fanno male perch ci si sente la verit bruciante dell’oggi. Non pi il dolore e lo stupore per la scoperta della tragedia, bens la sofferenza, la sensazione del tradimento dato dallo storpiamento voluto e ricercato della verit. La sua riscrittura ad azzerare orrore, rendendo meno improbabile la ripetizione di quanto avvenuto in passato. E ci semina paura nel cuore, nell’animo dei molti che ancora ricordano. Ma, quando il lavoro di denigrazione, di svilimento, di banalizzazione, avr equiparato banalit del male a banalizzando la memoria, la verit che ne risulter, sar quella della riproposizione della tragedia "aumentata"non solo per sommi capi, bens anche nei particolari in cui l’umanit cessa del tutto la sua ragion d’essere tale.
Molto sentita e grazie di cuore per la riflessione, anche poeticamente coinvolgente...
Un saluto