Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Lorena Turri
Basterebbe un soffio

Sei nella sezione Commenti
 

 Nando - 11/06/2010 18:21:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

Bella poesia; non saprei dire perché, ma dopo averla letta mi rimane in "bocca" il sapore delle cantilene di una volta.
Lorena, forse non si possiede una soffitta ma un cuore sì: se vi entra la Luce, tutte le cose ivi conservate diverranno nuove.
Ciao

 Guglielmo Peralta - 11/06/2010 17:33:00 [ leggi altri commenti di Guglielmo Peralta » ]

Idea bella e originale è questa di considerare il mondo ormai in disuso, e la necessità di "rispolverarlo" per tornare ad usarlo come nuovo, anche se di seconda mano o abitazione! Il fatto è che noi, uomini, siamo il mondo, e la polvere del tempo che ci portiamo addosso, anche se potessimo aspirarla, finirebbe per riformarsi. Saremmo anche noi uomini di "seconda mano", usati, troppo usati!... Non c’è "Oltreuomo" all’orizzonte! (Ma è forse per questo, per l’impossibilità di rinnovarci, di "rispolverarci", che si ipotizza un cambiamento radicale, una metamorfosi inaccettabile, una caduta nella forma impersonale del cyborg?...)

 Loredana Savelli - 11/06/2010 15:05:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

A volte ci aspettiamo di essere sorpresi dal mondo in una maniera eclatante. Se decidiamo di mettere in soffitta il mondo è perchè non accettiamo che possa essere diventato così "inutilmente prevedibile", ma, come dici tu, qualcosa di indicibile ci suggerisce di essere prudenti, di conservarne almeno il ricordo, come si fa con le cose care. Il problema è avere una soffita sufficientemente ampia!
Forse però c’è una terza via: "sopportare" il mondo e giudicarlo con categorie diverse dall’utile/inutile. Allora il problema diventa avere una soffita interiore grande quanto un castello!
Mi sono dilungata, le tue poesie offrono sempre spunti di riflessione esistenziale, oltre ad essere belle. Ciao Lorena