Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Lorena Turri
Asefru

Sei nella sezione Commenti
 

 Arcangelo Galante - 10/11/2017 16:43:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Visione romantica dell’animo del poeta, che si perde nell’infinito silenzio di un notturno ascolto. Il modo in cui viene descritto, tale sentimento provato, paragonato alla notte, fa capire quanto sia anelato, rispetto ad ogni altro genere di sensazione. I desideri, il vero respiro vitale, non sono nella vita diurna, ma in quel subconscio, che si risveglia con un palpitante sussurro del cuore, incessantemente immerso nell’atmosfera peculiare nella quale si medita. Un’intima percezione, quella descritta nella lirica, la quale si condivide unicamente con se stessi, cui altri non hanno accesso, poiché è un mondo che si rivela solamente con la luce di un cuore in balia di concitati pensieri. Il titolo ricorda un invito al lettore, come ottimo accompagnamento di tali emozioni manifestate, che paiono essere incantate. Un esperimento, egregiamente ben riuscito, per ciò che può valere l’opinione mia. Un fiorito saluto!

 Klara Rubino - 10/11/2017 15:11:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Grazie Lorena per l’attenzione e l’esaustiva risposta.
Nella mia proposta c’è risonanza tra il respiro del poeta e quello del cielo, tanto che i sostantivi si invertono: il respiro dell’uomo è il respiro del cielo ( alto Zefiro); quello del cielo è "sospiri". Lo Zaffiro è una brillante pietra blu, quindi già, secondo me, metafora del cielo notturno.
Ciò non toglie che la poesia e la maestria siano le tue....tanto di cappello, come si suol dire!

 Lorena Turri - 10/11/2017 12:06:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

Carissima Klara, grazie per l’attenzione.
Il titolo dell’asefru è Notturno, come ho scritto nel testo. Non l’ho messo in evidenza nella titolazione perché è una poesia forse più interessante formalmente che contenutisticamente, essendo un esperimento.
Riguardo al significato, ho inteso dire questo:

Si è concluso il giorno, è notte. Il poeta guarda il cielo stellato (metafora di infinito) e adagia ( rallenta e distende) il respiro (probabilmente affannato per le "tristezze" giornaliere) in un sospiro che affonda nei precordi (cuore e organi vicini che gli antichi consideravano sede degli affetti e dei sentimenti). Da ciò ricava un benessere che lo porta a tramutare le tristezze in ricordi (quasi una sorta di archiviazione).

Ben vengano i suggerimenti, ma in questo caso la tua versione non mi pare renda lo stesso significato. "Alto Zeffiro" non riesco a collegarlo col verbo "adagio" (il poeta sta proprio cambiando la sua respirazione con un sospiro)e così quei "sospiri" dopo "accordi" perché il poeta sta guardando il cielo stellato.

Commento non visualizzabile perché l'utenza del commentatore è stata disabilitata o cancellata.

 Klara Rubino - 10/11/2017 10:12:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Il tuo amore per la poesia, mi spinge a fare altrettanto: studiare ed approfondire con seria dedizione e quindi già per questo ti ringrazio.
Spero che tu possa accettare i suggerimenti e le impressioni di qualcuno, come me, che è più ignorante e meno competente di te.
E quindi mi faccio coraggio:
La poesia è penalizzata dal titolo, ma non è una critica, dipende dalla pigrizia che spesso è padrona anche di noi poeti o aspiranti tali. Se vicino agiungessi ( Notturno), forse più utenti la leggerebbero.
Già il primo verso l’ho letto e riletto più volte, tanto mi ammaliava, senza riuscire a procedere oltre, quindi, ottimo Incipit!
Nella parte centrale si perde un po’ questa capacità ammaliatrice della poesia, forse perchè si avvorte la difficoltà degli incastri tecnici.
Allora provando, tra me e me , a modificarla, avrei iniziato col sostituire "sospiro" che è un termine forse un po’ troppo prevedibile in quel contesto( da me stessa abusato) e lo avrei sostituito con "Zefiro"...da lì ho visto che ha iniziato a fluire in modo diverso:

Adagio il mio respiro
alto Zefiro
che affonda nei precordi

mentre chiude il suo giro
il giorno. Miro
della notte gli accordi

sospiri, e lo zaffiro
lucente. Viro
le tristezze in ricordi.