Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Lorena Turri
Confusa son davvero sul futuro

Sei nella sezione Commenti
 

 Franco De Toffol - 12/09/2011 15:06:00 [ leggi altri commenti di Franco De Toffol » ]

l’ acqua e il suo misterioso vagar sotto terra .... ma riemerge, come la speranza, e dona vita e sollievo

 leopoldo attolico - 12/09/2011 09:52:00 [ leggi altri commenti di leopoldo attolico » ]

Trovo molte analogie - di merito e quindi di valore - tra il testo di Lorena e quello della Cavalli propostoci questa settimana . A tutto onore - credo - di Lorena , particolarmente ispirata in questa circostanza .
Sinceri complimenti

leopoldo

 Marco Banti - 11/09/2011 22:01:00 [ leggi altri commenti di Marco Banti » ]

Se fosse un cocktail, il futuro sarebbe come un buon "cocktail Martini"
Un goccio di martini dry nel bicchiere (e questo siamo noi), giusto per insaporire il vetro e poi gettare nel lavandino, una robusta dose di gin, di quello buono( e questo è il resto del mondo), due olive non troppo grandi (e questo è il caso)legate da uno stuzzicadenti.
Dimenticavo:
bicchiere gelato (e questa è la sfiga che come sai, al contrario della fortuna, ci vede benissimo)
Ridimenticavo:
la trovo molto femminile (con tutto il portato di sensibilità che l’accompagna)

 Meth Sambiase - 11/09/2011 21:50:00 [ leggi altri commenti di Meth Sambiase » ]

ma sottoterra scorre come l’acqua
ancora una volta l’energia vitale inaspettatamente erompe e ci costringe a vivere. Trovo la tua introspezione l’aggettivazione di una realtà dolorosa.