Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Alberto Becca
La festa è finita

Sei nella sezione Commenti
 

 Fiammetta Lucattini - 22/09/2016 09:52:00 [ leggi altri commenti di Fiammetta Lucattini » ]

I tuoi improvvisi cambi di registro mi deliziano.
Forse al liceo hai studiato troppo le terzine dantesche, ma Dio sa quanto abbiamo bisogno di leggerezza oltre che di malinconiche speculazioni interiori.
Ciao!

 Silvia De Angelis - 19/09/2016 12:56:00 [ leggi altri commenti di Silvia De Angelis » ]

Osservazioni del profondo, che ho molto apprezzato per la loro sincera spontaneita’ e logica, ravvicinate a luoghi della natura di rara bellezza.
E’ sempre un gran piacere leggerti, Alberto, un caro saluto,silvia

 Loredana Savelli - 18/09/2016 10:15:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Un bel pezzo di prosa poetica. Le rime forse non le metterei a fine verso, ma all’interno. Sempre umano, "troppo umano" il tuo sguardo, la poesia infatti nasce di là.
Un caro saluto.

 Cristina Bizzarri - 18/09/2016 09:50:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

... la pervade

 Cristina Bizzarri - 18/09/2016 09:47:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Paesaggistica e filosofica - di una concreta e saggia filosofia che ricorda le parabole - questa tua compatta e nello stesso tempo armoniosa poesia. Rasserena lo spirito e rischiara la visione l’antica saggezza che la prevede, la rima rassicura con il suo ritmo preciso, si sente l’odore della terra, del cibo, degli animali selvatici. Si intravede quel triangolo di mare. Si intuisce che tutto vuol dire qualcosa e che la vita è sempre con noi e per noi, malgrado il suo insondabile mistero. Il valore della poesia è secondo me proprio quello di dire la necessità di tutto e la serena sua accettazione.