:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
📅 Il Giorno della Memoria #GiornoMemoria
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
invia la tua opera in concorso (Poesia e Racconto breve)
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Franca Alaimo
Ai dolenti dei nostri giorni

Sei nella sezione Commenti
 

 Lorenzo Mullon - 22/08/2011 19:07:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Una poesia che è il senso della Poesia stessa, con la speranza che i dolenti si affidino davvero alla parola che guarisce, operando la Grande Trasformazione. E il Medium di questa Meraviglia si offre totalmente per Amore degli Altri, in un sacrificio che è l’unico Destino possibile, ma è anche una Gioia, e rende la Terra fresca e leggera come una nuvola d’erba.
Grazie, cara Franca, e scusa se non commento sempre le tue poesie, adesso girando come una trottola nell’afa...

 sara dimatera - 17/08/2011 20:45:00 [ leggi altri commenti di sara dimatera » ]

Una poesia che penetra nell’animo di chi,cara Franca,ti sa ascoltare e guardare in profondità.
Questa alternanza di versi,dolore/orrore e speranza che "giocano"tra loro,mi colpisce particolarmente.
La tua capacità di andare oltre la "vergogna" delle cose attraverso l’uso della parola, ti rende una poetessa fuori dal comune.
Il poeta G.Rescigno ti ha definito "dea della parola"...che tu possa continuare a coltivare e a seminare versi ovunque per far si che noi possiamo continuare ad essere tuoi privilegiati lettori.
Sara

 Cosimina Viscido - 17/08/2011 16:40:00 [ leggi altri commenti di Cosimina Viscido » ]

Una poesia che mi lascia senza parole. E questo verso mi ha letteralmente commossa: "E poi piantatelo ancora come un seme perché vi dia sempre frutti E fiori e ombre da spargere sul capo come carezze, e notti scintillanti,Cieli velati d’aurore rosarancio"

Un amaro compito quello del poeta ma reso dolce dalla sua stessa generosità sacrificale protesa verso un futuro migliore...
Grazie Franca per questa emozione.


 Nando - 17/08/2011 08:38:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

Oltre la bellezza poetica del testo, è l’intensità del sentimento fraterno verso quell’umanità che soffre perché vittima del male inflittogli da un’altra parte sempre di umanità, a rendere questa poesia quasi un "salmo" rivolto a Dio; e, infatti, a Dio s’apre infine la Poetessa, perché solo l’Assoluto Bene può donarci un definitivo riscatto dal male. In tal senso, trovo meravigliosa l’immagine della femmina di tordo e della coppa del suo nido, non solo perché richiama alla memoria analogie veterotestamentarie di promessa, ma anche perché ricorda(almeno a me)lo sguardo meditativo della piccola Teresina (Lisieux)sulle realtà naturali e umane.
Infine, è luminosa l’imtuizione d’intrecciare la propria vocazione poetica al bisogno delgfi altri: il "cuore di poeta" offerto come un "pezzo di pane", umanissimamente laico eppure quasi icona di un altro "Pane".

Nel commentare, ho sempre timore di interpretare troppo soggettivamente: ne chiedo scusa, soprattutto all’Autrice.
Un caro saluto

 Loredana Savelli - 17/08/2011 07:39:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

"quando il male si sarà raggrumato
E sarà sceso nel fondo, e Dio, come una morbida femmina di tordo,
Vi coverà nella coppa del suo nido intrecciato di silenzi e di perdono.
Quando il mondo perderà la vergogna, quando ovunque sarà luce fonda."

Ed ecco che il cuore del poeta si apre all’unica speranza in grado di denunciare e annientare lo scandalo della morte e della morte ingiusta e violenta.
Grazie Franca per averci scosso da una rassegnazione malata, quella di chi si è assuefatto al male.

 Guglielmo Peralta - 16/08/2011 21:00:00 [ leggi altri commenti di Guglielmo Peralta » ]

La poesia è l’unica risposta al dolore e alla "povertà" del mondo. E’ l’albero da coltivare e nel quale costruire il nido per nuovi voli.
Grande poesia, grande speranza!...Come dire: la bellezza salverà il mondo.

 Giacomo Colosio - 16/08/2011 20:11:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Bella poesia...mi ha letteralmente preso. Metafore ridotte al minimo ma convincenti, forza di parola e pensiero, emozione che galoppa, brivido interiore...tutti condimenti per una poesia DOC. ciaociao