:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'et della rovina a Nard (Lecce) il 28 gennaio 2023
🖋 Memoria o scrittura retrospettiva? a Roma il 29 gennaio 2023
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Giulia Bellucci
La poesia non ��

Sei nella sezione Commenti
 

 Giulia Bellucci - 19/08/2019 15:56:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Grazie Antonio Terracciano per aver condiviso il mio pensiero e ti chiedo scusa se rispondo solo ora. Involontariamente avevo disattivato la ricezione di una mail ai commenti ricevuti e inoltre impegni familiari mi hanno tenuta lontana dal sito.

 Antonio Terracciano - 11/08/2019 19:50:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Ho letto pi di una volta questo pensiero della Bellucci, trovandolo assai lucido e veritiero, e vorrei dedicare all’autrice un mio sonetto inedito sull’argomento (pi o meno) , sperando che questo piccolo dono sia da lei gradito.

La poesia moderna

Per classica poesia non c’ pi posto:
a caccia si va sol di novit,
nel nome delle quali anteposto
l’esercizio di pura vanit.

Spesso solo del fumo senza arrosto
lo scritto, che presto decadr
al rango di un prodotto che riposto
sar in cantina per l’eternit.

Quando futile moda passer,
si chieder la gente: "Che leggevo? "
E quella produzione trover

nel cestino sua fine, ch un longevo
orizzonte senz’altro non vedr,
restando solo un vil fatto coevo.