:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 18 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Giulia Bellucci
Una strana notte di Natale

Sei nella sezione Commenti
 

 Giulia Bellucci - 05/01/2019 09:21:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Grazie Teresa e auguri dell’anno nuovo.

 Teresa Cassani - 04/01/2019 20:34:00 [ leggi altri commenti di Teresa Cassani » ]

Mi è piaciuto questo racconto sul mistero e sulla ricerca di senso che informano la nostra vita. Avvincente e coinvolgente il ritmo incalzante.

 Giulia Bellucci - 28/12/2018 09:14:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Cara Franca, ti ringrazio della lettura e soprattutto per aver ben spiegato quello che è l’intento di questo mio racconto. Il Natale è la festa più bella dell’anno, però il tempo l’ha trasformata in qualcosa di diverso da ciò che realmente rappresenta.
Ti auguro una buona giornata e ricambio gli auguri per un Felice 2019.

 Franca Colozzo - 27/12/2018 20:03:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Cara Giulia, il tuo racconto è sintomatico del disagio che proviamo un pò tutti noi all’avvicinarsi delle feste natalizie. Il consumismo dilagante rende affannosa la ricerca dei regali e ciò che si prefigura come una festa diventa un’ossessione generale o quasi.
Il bambino del tuo racconto è il Salvatore del mondo, quello che forse un giorno ci libererà dalle nostre fissazioni. Il vero Natale era quello di una volta, nell’umiltà e nella semplicità festosa di gente semplice. Dovremmo fare un passo indietro e riappropriarci della nostra vita. Un caro saluto. Ti auguro un felice 2019, colmo di ogni bene.