:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
invia la tua opera in concorso (Poesia e Racconto breve)
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Giuseppe Bisegna
Viaggio corto

Sei nella sezione Commenti
 

 Giuseppe Bisegna - 30/06/2011 17:02:00 [ leggi altri commenti di Giuseppe Bisegna » ]

Grazie di aver letto e commentato; grazie a Roberto, ti sei fatto capire benissimo e grazie a Giacomo per i consigli. Un abbraccio a tutti :)

 Giacomo Colosio - 30/06/2011 16:38:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Bel racconto, per diversi motivi.
Intanto è originale e poi unisce la parte del sogno a quella tecnica in maniera convincente.
Ho seguito il tuo consiglio di ascoltare Ball and Biscuit dei White Stripes( a proposito correggi il refuso) e devo dire che è servito ad entrare nello spirito del racconto.
Forse ci stava bene anche Seven Nation Army, notevole pezzo degli stessi autori.
L’unico dubbio è sulla punteggiatura, che non mi convince. Ma quella è una questione di gusti, di tempi di lettura e di respiro. Ognuno ha il suo...io preferisco una scrittura con periodi meno lunghi e più incisivi. A volte nello stesso periodo introduci tre o quattro pensieri. Fossi in te proverei ad usare di più il punto e tralasciare un po’ le virgole.
In pratica scrivi come scrivevo io quarant’anni fa, e devo dire che mi piace . Ma il lettore, a quanto pare, gradisce meno ed io mi sono un tantino adeguato.
In alcuni casi la virgola proprio non ci sta: a mio avviso è proprio messa male. Ti faccio un piccolo esempio....
Comunque adesso, buona parte di quella carta sarà cenere, svolazzata via dal camino, sicuramente particella di polvere trascinata dal vento, magari a Singapore o sul Tamigi....ecco, qui andrebbe letto:
Comunque, adesso buona parte di quella carta sarà cenere,...etc....
Ciaociao...e bravo

 Roberto Maggiani - 30/06/2011 14:14:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Ciao Giuseppe, ho fatto tutto come hai detto tu. Sai che ti dico? Che i colori delle note non li vedi ma i tuoi racconti iniziano veramente a farli vedere, iniziano a proporre sfumature e tonalità sempre più suggestive e finezze di narrazione da professionista del racconto, e con professionista intendo uno che sa scrivere. Un racconto molto bello che spazia di fantasia e sospinge il lettore su più piani di narrazione...il leone e il guerriero Masai sono un vero tocco di classe, che iniziano e chiudono il racconto con intelligenza e soddisfando il lettore; nel finale ci si cade nel senso che ci si aspetta inconsciamente che il masai torni e torna, ma non è un finale scontato, bensì è l’abilità del narratore, tua, di indirizzare il corso della narrazine come un corso d’acqua che deve sfociare nel mare proprio in un dato punto sulla costa in cui liberi il lettore nella sua fantasia. Chissà se mi sono fatto capire. Un abbraccio.

 Giuseppe Bisegna - 30/06/2011 11:22:00 [ leggi altri commenti di Giuseppe Bisegna » ]

Consiglio: arrivati a "i primi 45 secondi di Ball and Biscuit dei White Stipes" trovatela su youtube e fatela partire ;)