Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Graced
La cruna dell’esistenza

Sei nella sezione Commenti
 

 Graced - 27/03/2020 19:00:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Un grazie di cuore ad Arcangelo e Franca per l’attenzione e le belle parole rivoltemi. Speriamo che questo incubo possa finire presto. Un caro saluto ad ambedue, Grazia.

 Franca Colozzo - 26/03/2020 23:01:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Carissima Graced, in questa tua poesia rifletti ansie e preoccupazioni che accompagnano questi mesti giorni, in cui il tuo canto solitario di alza a cercare sprazzi di luce.
Nella speranza che presto questo incubo passi in fretta, ti auguro un arcobaleno di colori per disegnare la gioia in te repressa.
Un abbraccio virtuale di pace interiore.

 Arcangelo Galante - 26/03/2020 19:02:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Un battito di ciglia che rappresenta proprio l’inaspettato arrivo di percezioni e sentimenti di ogni genere, descritto con versi magnifici.
Un testo colmo di riflessioni, davvero condivise e apprezzate, inerenti il veloce passaggio d’ogni cosa, spesso inafferrabili dall’occhio umano e scandite dall’orologio della vita, che, in questi attualissimi tempi, pare proprio non seguire alcun ritmo vitale.
E chissà quanti individui hanno già bevuto alla foce del Lete, che è il fiume dell’oblio della mitologia greca e romana (originariamente era il nome della figlia della dea Eris), senza averne intenzione alcuna.
Opera bella, malgrado resti assai triste nel proprio contenuto!