Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Redazione LaRecherche.it
Può darsi... - inedito

Sei nella sezione Commenti
 

 Luciana Riommi Baldaccini - 16/08/2012 23:49:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

eppure quelle due parole tronche... così apparentemente incongrue con il resto, mi suonano molto significative: un attimo prima è intervenuto qualcosa di molto doloroso "a distrarre il sangue dalla testa", dalla coscienza, dalla razionalità, dal suo linguaggio abituale...

 Maria Musik - 14/08/2012 16:40:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Trovo questa poesia molto bella. E mi piace proprio quella chiusa e quei due lemmi tronchi a riportare un alito di dolcezza che, come un bianco lenzuolo, va a coprire, pietosa, la carne esposta, il sangue e gli occhi puntati sull’orrida visione.

 Narda Fattori - 14/08/2012 08:45:00 [ leggi altri commenti di Narda Fattori » ]

E’ una poesia che sa d’incompiutezza..., non capisco il finale, con le parole troche. Eppure l’idea generale che la sorregge è forte per buoni versi. Considera il mio intervento critico solo uno stimolo, perché credo che tu sappia scrivere con buona penna.

 Domenico Morana - 13/08/2012 19:14:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

C’è un bellissimo testo di Artaud... Gli argani del sangue.
In Succubi e Supplizi, credo. Anche lì qualcosa che agganciato alla viva carne la strappa...
E’ una bella poesia Roberto. Ma con un desiderio di incompiutezza.
Osa! Sei più che pronto.
Ciao Yanez
;-)

 Loredana Savelli - 13/08/2012 08:55:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Potenza evocativa!
Quel filo d’acciaio mi suggerisce il senso di un appiglio estremo, al limite della disperazione. Non accorgersene potrebbe essere fatale. Ma le cani "vive" mi tranquillizzano. Come il fatto che si tratti (soltanto) di una visione.
Gran bella poesia, le immagini sono nette, quasi espressioniste.
Un saluto.