:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Lorenzo Vazzana
Versi di una sera di luglio

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Alaimo - 02/07/2015 22:35:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Non so che pensare di questo testo lungo e variamente intessuto di immagini, scatti, maledizioni, sogni, terrori e malinconie. C’è molto dei poeti cosiddetti maledetti e arrabbiati, a cominciare dal medioevale Cecco. Non ho letto la biografia di Lorenzo; ma immagino che sia molto giovane; e, se non lo è più per età, lo è nel cuore suo sempre così malmostoso. Però se fra tanti io qui mostrati, preferisco il primo, pittorico e incantato: una luna bianca come una gatta e un cielo nero come una stanza dove c’è chi quella gatta accarezza e comprendo, per averlo provato, quanto beatamente!