:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Fiammetta Lucattini
Concordia

Sei nella sezione Commenti
 

 Paolo Melandri - 13/06/2014 19:21:00 [ leggi altri commenti di Paolo Melandri » ]

Fratellanza di dolore, quindi? Nei gemiti fui generato? Chi non è in grado di gestire con rigore e onestà le proprie responsabilità, faccia un passo indietro. Quasi sempre, quando si parla di responsabilità, si allude a vite umane; sia che si abbia a che fare con individui a bordo di una nave, sia che ci si debba curare dei loro risparmi, o meglio, del "capitale economico" che essi stanno reinvestendo nella società. Tanto peggio, poi, se con la corruzione si raggirano i singoli "ignari". Questi sparsi pensieri ha fatto sorgere il tuo pregnante e poetico aforisma. A rileggerci. Vale. - tuo: P.

 Makaveli - 25/01/2012 19:51:00 [ leggi altri commenti di Makaveli » ]

solo il dolore ha questo potere? spero di no...

 Giacomo Colosio - 20/01/2012 14:34:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Non è quasi mai colpa di un solo uomo...in questo caso poi stanne certa che emergeranno molteplici responsabilità. Te lo dice un uomo di mare...so quel che dico. Su una nave come quella senza il consenso di mille altri fattori nemmeno un attentatore riuscirebbe a fare quella cosa che ha portato alla tragedia. ciaociao

 Carla de Falco - 20/01/2012 11:37:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

affratellare nel terrore e nella morte. già...