:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Intervista a Pedro Eiras
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Luc Laudja
Ruah

Sei nella sezione Commenti
 

 Luc Laudja - 18/11/2012 15:26:00 [ leggi altri commenti di Luc Laudja » ]

Più che metanoia, Maria (pur se, in effetti, è anch’essa diversamente presente), è metà_gioia quella che, ultimamente, aspira a riempire i polmoni d’un soffio di vita. Un grazie sincero anche a Te per il prezioso commento. Buona domenica.

 Luc Laudja - 18/11/2012 15:25:00 [ leggi altri commenti di Luc Laudja » ]

Un fiume che s_corre
lungo un soffio da_mare.
Lusingato dal Tuo apprezzamento, Cristina.

 Luc Laudja - 18/11/2012 15:23:00 [ leggi altri commenti di Luc Laudja » ]

Sì, è in effetti un intimo sussurro appena sospirato... come parlare piano, all’orecchio del cuore, ad una persona cara.
Grazie Loredana

 Luc Laudja - 18/11/2012 15:11:00 [ leggi altri commenti di Luc Laudja » ]

Ossigeno ad armare le ossa,
di fiati divisi, fare un solo respiro
passi come sassi, a marcare
di morso il per_corso, le ali
sul dorso, in vetta silente
un canto a confondere il pianto,
è inFernale del tempio
la bocca, sino al giungere del
pellegrino alla meta, la terra
a colori pazienta l’attesa, montagne
di sogni a colmare le anse del cuore,
un solo mistero, dell’Otto la balza,
il soffio, la lode, di duenomi in uno
la danza.

Narimi, Amina

 Maria Musik - 18/11/2012 10:17:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Il titolo già ci avvisa che leggeremo ma che dobbiamo disporci, anche, ad ascoltare. Mi è particolarmente piaciuta l’affermazione "Ho cambiato aria ultimamente." Un modo poetico, delicato, semplice per descrivere una metanoia. Il resto è soffio...

 Cristina Bizzarri - 18/11/2012 09:55:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Trovo molto efficace la tua poesia parlata: scorre libera come un fiume dai mille riflessi. Alto il riferimento a "Ruah".

 Loredana Savelli - 18/11/2012 08:30:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Tono sussurrato da confidenza intima, la poesia ha una sua scorrevolezza ed è toccante.

 Amina Narimi - 18/11/2012 00:38:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

meta e passo, ogni lettera una parola a colmare
un solo mistero, ti penetra un solo respiro
Ruahatta’h
Colorerai,farai nuova ogni volta ogni cosa
d’acqua viva il centro si farà, la Tua Gerusalemme celeste,
sarà casa la Montagna dalle Otto balze, silente come Betlemme
Una lode,un cantico delle salite il tuo graduale di pellegrino
che al suo giorno risale come il monaco al tempio
E’ invernale la terra agli angoli della bocca, ma le colline del cuore sono pazienti