:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Ferdinando Battaglia
Frammento di un ricordo

Sei nella sezione Commenti
 

 Valentina Rosafio - 13/08/2018 15:18:00 [ leggi altri commenti di Valentina Rosafio » ]

Carissimo Nando, credimi, sono io commossa!

 Ferdinando Battaglia - 09/08/2018 02:36:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Carissima Valentina, ogni volta ritrovati è una lacrima di commozione, come se ciò che qui abbiamo condiviso allora, di cui Pietro ora e per sempre è icona, oramai è uscito fuori dal tempo per appartenere al mito; o almeno io sento così.

Un forte abbraccio e grazie

P.S. Torna presto! Voglio leggere i tuoi versi...

 Valentina Rosafio - 30/07/2018 12:58:00 [ leggi altri commenti di Valentina Rosafio » ]

Struggente aggrapparsi così ai ricordi. Quanta passione nei tuoi versi e che bella chiusa!
Un abbraccio

 Franca Colozzo - 24/07/2018 00:45:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Anch’io non ho più case antiche dove sognare e dove vorrei tanto rifugiarmi per rincorrere i sogni della fanciullezza. Sprangate sono le porte ed i ricordi come fantasmi vagano nel giardino dei sapori e degli odori della mia infanzia.
Tutto resta intatto nella mente di un adulto come un film visto e rivisto tante volte. Ma è bello ricordare perché attraverso i ricordi prendono vita forme di un passato che, attraverso gli occhi di un bambino, appariva ammantato di magia.
Spero che le tue memorie accompagnino sempre i tuoi passi affinché quella gioia passata possa rivivere ancora. Buona notte.

 Laura Turra - 20/07/2018 08:18:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Un testo accarezzato da una lieve malinconia, quella che sempre attraversa i nostri ricordi più belli. La memoria riporta vivo agli occhi e al cuore ciò che ci è appartenuto e, a volte, non sappiamo se questo ci fa bene o male. Forse tutte due le cose insieme.
Ti abbraccio, Nando.

PS: ma, il gatto, come si chiamava? Che so, Virgola? DuePunti? Puntino? Se fosse stato di Emily magari si sarebbe chiamato Trattino. Emily però non possedeva gatti, ma un cane chiamato Carlo.