:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Tre monologhi. Penna, Morante, Wilcock”, di Elio Pecora [collana Racconti (Teatro)]
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Luciano Rossi
Fuggi luna, luna, luna

Sei nella sezione Commenti
 

 Luciano Rossi - 14/07/2021 15:33:00 [ leggi altri commenti di Luciano Rossi » ]

Ringrazio entrambi per le parole generose.

 Franca Colozzo - 10/06/2021 01:30:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Un’eco lontana risuona in questi versi quasi rituali. Il tamburellare di parole ripetute richiama riti arcaici e suoni e colori che vengono da dimensioni lontane.
Sono d’accordo con Salvatore Solinas sulla ricercata bellezza di questi versi e sulla loro accuratezza formale. Non saprei aggiungere altro al suo commento esaustivo se non il mio apprezzamento per l’uso coloristico di espressioni sussurrate, armonizzate, declamate.

 Salvatore Solinas - 07/06/2021 10:35:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Solinas » ]

Carissimo Luciano leggo con piacere e grande interesse le tue poesie.
Trovo nei tuoi versi una ricerca che vuole andare alle origini, mai appagata della metafora ben riuscita. Una ricerca che non si perde mai in un vuoto sperimentalismo formale. Echi letterari illustri si odono nei versi: i poeti spagnoli Machado, Jimenez, Garcia Lorca; echi Leopardiani, Ungaretti e Montale nella natura spoglia e arida.
Non posso che complimentarmi con te felice di poter leggere ancora tue cose. Parma è una città gradevole e, dopo più di quaranta anni di permanenza, la considero mia seconda, o forse prima patria.