Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Giuseppe Nutini
Era meglio andare a Melfi

Sei nella sezione Commenti
 

 Giuseppe Nutini - 30/05/2012 18:54:00 [ leggi altri commenti di Giuseppe Nutini » ]

Grazie Alessandro. Troppo buono. E’ che io mi sento una specie di niño travieso, direbbero i miei amici spagnoli, in mezzo a voi veri poeti. Ma grazie di cuore. Un abbraccio :D

 Alessandro Mariani - 23/05/2012 17:14:00 [ leggi altri commenti di Alessandro Mariani » ]

Molto bella. Mi ha impressionato.

 Loredana Savelli - 23/05/2012 15:01:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Molto simpatica (e studiata!).
Ciao!

 Giuseppe Nutini - 23/05/2012 10:04:00 [ leggi altri commenti di Giuseppe Nutini » ]

Grazie Roberto. Mi lasci sparolato. Come sempre. Per me sei un asso, e ti ricambio l’affetto. In questa scemenza, che hai così invidiabilmente elogiato, c’è un versettino piccolo piccolo di Kavafis perché quando una cosa è poeticamente alta me la frego. L’idea fondante e la realizzazione mi vennero 12 anni fa quando, ancora studente, presagivo che avrei fatto una vita di melma, con guai numerosetti e denari pochissimi. Come vedi, sono un discreto autoprofeta. Approffitto per darti gli auguri di un radioso 2012, visto che (cafonissimo io) ai tuoi per Natale non ho mai replicato. Un abbraccio, Peppenut :D

 Roberto Perrino - 23/05/2012 08:36:00 [ leggi altri commenti di Roberto Perrino » ]

Si staglia lirico nel nitore di mattini mediterranei "il tremolio quieto d’indaci golfi" incuneato in una spassosissima spiritosaggine su un grave problema dei nostri tempi (ma, a rifletterci, anche di altri!). Se i dati statistici diffusi di recente sono affidabili (mah!) i salari sono pressoché fermi, in media, a circa 20 anni fa ... si aggiunga il livello di disoccupazione che grida vendetta al cospetto del Padreterno. Solo pochi eletti con animo gentile e pieno di Spirito, come il nostro carissimo Peppenut, riescono ad esprimere con tanta leggerezza questi drammi.
Un saluto!

 Carla de Falco - 23/05/2012 06:08:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

ahahhahah... mica male!