:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
invia la tua opera in concorso (Poesia e Racconto breve)
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Maria Teresa Savino
Speranza

Sei nella sezione Commenti
 

 Maria Teresa Savino - 02/02/2012 20:23:00 [ leggi altri commenti di Maria Teresa Savino » ]

Tante grazie a Censa Cucco e a Giuseppe Terracciano per i loro gentili commenti alla mia poesia.A Giuseppe devo una spiegazione. Naturalmente,molto personale:ho adoperato il termine appiccare, intendendolo proprio di chi ha intenzione di provocare,sia pure con una scintilla,un falò;magari,addirittura un incendio.Un fuoco che abbia la forza di propagarsi velocemente.Il termine accendere,sebbene più ortodosso,mi pareva banale e,peraltro,meno adatto,presupponendo nel suo significato, una preparazione e del materiale predisposto per l’accensione.Ho tentato di spiegare,ma tant’è:ho adoperato "appicca".
Nessuno (tantomeno il poeta) è perfetto.Ne convengo.Un cordiale saluto.

 Censa Cucco - 02/02/2012 11:26:00 [ leggi altri commenti di Censa Cucco » ]

bella questa speranza, anch’io penso che non tutto è perduto finchè i poeti parlano fra di loro... inventano un verso, esprimono la loro fantasia e qualche volta immaginazione.

 Giuseppe Terracciano - 01/02/2012 18:15:00 [ leggi altri commenti di Giuseppe Terracciano » ]

Sono d’accordo con te.
Quell"appica" lo vedrei meglio con "accende". Senza togliere la validità dello scritto. Un saluto