:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Valentina Rosafio
Queste mura

Sei nella sezione Commenti
 

 Valentina Rosafio - 18/09/2012 10:25:00 [ leggi altri commenti di Valentina Rosafio » ]

Grazie Nando!

 Ferdinando Battaglia - 17/09/2012 22:45:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Sembra quasi che la vita dentro preme, al di là dei giorni silenti, e cerca una via di purificazione. La tua scrittura poetica è sempre significativa.

Ciao Valentina

 Valentina Rosafio - 17/09/2012 10:08:00 [ leggi altri commenti di Valentina Rosafio » ]

grazie mille Luciana e Carla!:)

 Carla de Falco - 16/09/2012 22:24:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

che bella questa tua. potente, la chiusa.

 Luciana Riommi Baldaccini - 15/09/2012 21:25:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

Bella!

 Valentina Rosafio - 15/09/2012 19:09:00 [ leggi altri commenti di Valentina Rosafio » ]

mi lusingano i vostri commenti!!!grazie, grazie di cuore Pietro e Loredana!

 Pietro Menditto - 15/09/2012 12:29:00 [ leggi altri commenti di Pietro Menditto » ]

Stupendo il "quotidinao rintocco della vita umana". Magnifico esempio di poesia sul tempo.

 Loredana Savelli - 15/09/2012 11:12:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Grande poesia, ha il respiro dei grandi come Ungaretti, Quasimodo, Montale, respira tutto il Novecento e lo rielabora in modo lucido, pacato, consapevole. Anche in assenza di eventi eclatanti, il poeta (in questo caso la poetessa) sente l’erosione del tempo, benché esso sia anestetizzato dal quotidiano. Il poeta ha un orecchio fine, ciò è anche, talvolta, la sua condanna.
Mi è piaciuta molto.