:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Roberto Mosi
E’ morta la poesia nella Valle dell’Inferno

Sei nella sezione Commenti
 

 Ferdinando Battaglia - 25/02/2018 18:17:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Il testo ha un valore fortemente politico e culturale ovvero portatore di una visione culturale, lontana da quella che, rompendo l’equilibrio tra amore erotico e morte, arriva a deturpare l’impronta originaria naturale, devastandola con la manipolazione antropica e tecnologica, anche quando non necessaria (quei pochi minuti sono un chiodo confitto nella carne viva della Terra), per rispondere agli interessi finanziari di pochi, riducendo alla narcosi della coscienza o reprimendo con la maschera della legge (ma qual’ la classe economica che legifera?), fino all’uso della forza, il legittimo dissenso popolare.
Testo di denuncia, scritto con l’accorata voce di chi possiede sapienza intellettuale e del cuore.

 Arcangelo Galante - 25/02/2018 17:57:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Quell’amarezza che traspare dallo scritto, in merito al tema trattato dall’autore, sembra un’immagine disarmante e, simultaneamente, toccante.
Il messaggio, significativo, evidenziato nel testo, parla di una verit culturale, forse, insita proprio nell’umana debolezza, scaturita non solamente da una reciproca incomprensione, ma, bens, soprattutto da quanti si lasciano fuorviare da convinzioni, che andrebbero rivisitate.
Malinconica pubblicazione, ben articolata nel suo incisivo sviluppo.
Un contenuto altamente tagliente, rivelatore del legittimo sfogo del poeta!

 Loredana Savelli - 04/10/2011 22:01:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Hai fatto bene a parlarne in questi termini, perch non possiamo disgiungere la natura dalla cultura. Condivido la tua mortificazione.