Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Rita Stanzione
Aleph della tua penna

Sei nella sezione Commenti
 

 Giorgio Mancinelli - 18/08/2019 18:39:00 [ leggi altri commenti di Giorgio Mancinelli » ]

Scusa. leggi l’indicibile come l’indefinibile di ciò che siamo nella irrealtà del nostto immaginifico essere.

Continua a scrivere, vale la pena leggerti.

 Giorgio Mancinelli - 18/08/2019 18:33:00 [ leggi altri commenti di Giorgio Mancinelli » ]

Complimenti, c’è nei tuoi versi l’indicibile che pure ci appartiene, che spesso è nell’aria, nella mimesi che ci trasforma in angeli di quel paradiso che sappiamo perduto da sempre e che ci ostiniamo a voler raggiungere ... e che possiamo raggiungere ricominciando, appunto dall’aleph del nostro discorso interiore.