:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Robert Wasp Pirsig
La consuetudine del calendario

Sei nella sezione Commenti
 

 Giovanni Rossato - 06/12/2018 09:50:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Rossato » ]

Questi versi resteranno.
Grazie

 Valentina Rosafio - 05/12/2018 20:52:00 [ leggi altri commenti di Valentina Rosafio » ]

Molto bella!Abbiamo la lancetta che conta di meno...dovremmo farne uso migliore...

 Franca Colozzo - 05/12/2018 19:56:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Hai ragione perfettamente: l’uomo soffre di sindrome da calendario. Le feste - e in particolare il Natale - scandiscono con le loro precise lancette lo scorrere del tempo.
Così, avviluppati in una rigida corazza, cerchiamo invano il dono che la vita ci ha dato, rincorrendo date e calendari in una giostra continua, che la mente intorpidisce non lasciandola sognare.
Proprio la lancetta che conta di meno (l’uomo apparso da poco sulla Terra), è quella che più si confronta con le dimensioni siderali, ergendosi a giudice di tempi astronomici.
Bella questa tua poesia che induce ad una seria riflessione sul nostro percorso di vita. Buona serata.